Gaetano Savatteri - I siciliani  - Laterza, Bari 2005


Ho acquistato  e letto questo libro dopo averlo sfogliato in libreria ed essere stato catturato da questa frase sul Gattopardo:  «Non sarà facile capire quanto male abbia fatto quel romanzo memorabile che è Il Gattopardo: non sarà facile stabilire in che misura quelle pagine “larghe e nude nelle quali tutta una vita è riassunta con l’abbagliante chiarezza e la velocità di una folgore” (come scriveva Eugenio Montale sul Corriere della sera del 12 dicembre 1958) abbiano offerto ai siciliani, e non solo a loro, un malinteso alibi per spiegare ritardi storici, mali endemici, tare criminali. Ma soprattutto, dopo il romanzo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, diventa quasi impossibile capire se i siciliani non credono, e non abbiano mai creduto, nelle idee o se ci credono in un loro modo tutto particolare».

Il Gattopardo è senz’altro un capolavoro, uno di quei libri che dopo averlo finito viene voglia di tornare dal libraio e dirgli: «Me ne dia altri trenta come questo, se ce li ha». Poiché assento del tutto con Savatteri non voglio entrare nella polemica ideologico-letteraria che vide quel libro  bersaglio sbagliato della neo-avanguardia agli inizi degli anni ’60. Roba vecchia che è inutile rivangare, anche perché Il Gattopardo nel frattempo s’è conquistato uno spazio sempre più sicuro tra i classici  della nostra letteratura del '900, mentre di molti avanguardisti non sono  rimaste che le dichiarazioni di poetica, ossia non  l’Amazzonia che ci avevano fatto intravedere, ma solo la mappa dell’Amazzonia.

Tuttavia, da tempo rimugino il convincimento, ritrovato bello e scritto nel libro di Savatteri, che il danno del Gattopardo fatto alla Sicilia è stato grande. Ha offerto molti alibi alla ideologia sicilianista - l’autocoscienza delle attuali classi dirigenti-, ossia la convinzione che siccome i siciliani si  credono degli dei, sono autorizzati a non cambiare mai,  alimentando una certa mutria isolana dura a morire, e nei fatti rivoltando in termini asseverativi una frase del Gattopardo, proferita negli spazi metaforici del romanzo, ossia nei  termini sommamente ambigui delle opere d’arte. In più, il libro di Tomasi  procede ad una indulgenza plenaria nei confronti del ceto nobiliare isolano addebitando l’arretratezza socio-economica dell’isola non al fallimento del ceto egemone dirigente, ma al clima, alle invasioni dei popoli, al passato che non passa, alla storia. Basterà - per convincersi che non deve essere andata proprio  così - compiere  un giro per i palazzi nobiliari fatiscenti del centro di Palermo. Forte sorge l'idea, aggirandosi per corso Vittorio Emanuele, per piazza Bologni, che il crollo della élite dirigente  siciliana fu sì drammatico e per certi aspetti unico, tanto fu repentino e spettacolare, paragonabile solo al declino dell’aristocrazia veneziana (che ebbe però dalla sua  il conforto di un lento sfinimento con accompagnamento degli oboi languorosi di Albinoni sulla laguna).  Ma che fu, questo sprofondamento dell'aristocrazia siciliana, causa sui,  addebitabile ossia non altro che a se stessa, poiché altrove - in Piemonte, in Lombardia ad esempio -  le aristocrazie si adattarono ai tempi nuovi, borghesi e capitalistici, reagendo alle sollecitazioni della modernità,  mentre in Sicilia  si consumarono appresso alle ballerine (più che dietro gli astri del cielo come ci vuol far credere Il Gattopardo). Fu il default di un ceto incapace e imbelle di cui la migliore rappresentazione  che mi sia capitata vedere è  quella di Leopoldo Trieste in Divorzio all'italiana di Germi, dove il baruneddu di turno è così spiantato che non ha neanche i soldi per rimettersi i denti incisivi a posto e non gli riesce neanche  di impiccarsi nel salone del palazzo avito  perché cede la trave dove ha avvoltolato la corda.

Ma in questo libro di Savatteri il tema  intellettualmente onesto, ossia quello acremente antisicilianista  (“occorre amarsi di meno” ammoniva Brancati) che è l’unico modo di dichiarare il proprio amore alla terra natia,  è smorzato talora da indulgenze e complicità antropologiche dure a morire, seppur  protette da una scrittura sorvegliata, fredda, antimitica. Ma gli è che la mia rabbia di siciliano diasporato mi porta a chiedere a tutti coloro che scrivono sulla Sicilia un’addizionale e concreto furore, un tono adirato e senza requie, i termini di una requisitoria incalzante che non lasci spazio a nessun  trallalà autolatra. Da tempo ho fatto un baratto: tutta la Conca d’Oro, la fascia pedemontana dell’Etna, la baia di Taormina in cambio… di un asilo nido o di una biblioteca rionale ben funzionante avvolti dalle soffici nebbie lombarde. Riconosco pertanto di non essere il lettore giusto di questo libro, e credo di essere stato, nel tirare le somme, eccessivamente ingeneroso con l'autore. Il quale ha poche pretese:  porgere una galleria di ritratti  di siciliani con l’idea sotterranea di darci la Sicilia,  questo rompicapo  antropologico come lo chiamò Sciascia nell’ultima intervista concessa a Le Monde. Savatteri ci parla dei frati al fine di suggerire l’idea del convento, con una scrittura nitida, non calligrafica, puntando tuttavia al colore  più che al disegno, alle immagini più che alle idee, e dunque scevra da uncinazioni forti verso il lettore esigente.  

Ha il merito ad esempio di attingere ad un minimo di letteratura accademica seria (Romeo, Hobsbawm, Spinazzola) tenendo a bada tanta letteratura sicilianista  drogata di pirandellismo d’accatto (anche se “le corde pazze” e “i siciliani di scoglio e di mare” e la frase sul frontone del manicomio di Agrigento “non tutti ci sono, non tutti lo sono”, suggeriscono una maniera ormai incombente che occorrerebbe evitare come la peste). Tuttavia  la scelta di fondo di redigere medaglioni di siciliani solo se rigorosamente defunti (i siciliani devono essere come gli indiani: sono buoni solo quelli morti), ci toglie il piacere di vedere improvvisamente soddisfatto un nostro desiderio, che si forma  man mano che leggiamo, urgente, insopprimibile, esplosivo, ossia che da un momento all’altro possa spuntare tra le righe, voltando una pagina,  il faccione  rionale di u zu Totò vasa vasa, Totò Cuffaro, l’i n c r e d i b i l e Presidente della Regione siciliana attuale. Non darebbe questo ritratto, che qui manca però, la risoluzione di quel cassepipe antropologico di cui si discorreva prima? Uno vedrebbe quella faccia  da Giufà che i siciliani hanno voluto loro presidente e chiuderebbe il libro avendo capito tutto, svelato ogni mistero doloroso o gaudioso sulla Sicilia di ieri, di oggi, di domani. E invece no: le intenzioni dell'autore hanno escluso ogni contatto con l'oggi, preferendo una  Sicilia archiviata ma ahimè anche un po' imbalsamata.
 Ma, si sa, le intenzioni né si processano né si discutono. Ed ecco il caro vecchio frac del baruneddu Raimondo Lanza di Trabia (il ritratto di un  nobile sottoposto al registro stilistico dello "scettico blu" piuttosto che a quello del "grottesco triste" di Leopoldo Trieste); ecco il ritratto (il più convincente e meglio scritto) di Vitaliano Brancati; quello commovente di Libero Grassi, di cui ricordo la  faccia ossuta e severa, la  più antisiciliana che abbia avuto la Sicilia; quello del navigante Di Bartolo, della popolana antiborbonica, dell’inventore Sciascia, lo  sfigato cui sfilano addirittura il Nobel,  ed altri ancora oramai molto raccontati, Ettore Majorana, Joe Petrosino. Ci sono anche i frati, quelli veri e mafiosi di Mazzarino. Ma del convento, della Sicilia, non s’è capito molto di più. 
 Alfio Squillaci







<<< Paolo Di Stefano - Tutti contenti

<<< Silvana Grasso - L'albero di Giuda;

<<< Toto Roccuzzo - Le pietre nelle scarpe;

<<< Giorgio Morale - Paulu Piulu;

<<< Melissa P. -Cento colpi di spazzola.

<<< Alfio Squillaci - Mare Jonio
Pagine correlate
<<<Torna all'Indice Recensioni
Prima paginaFili di fumoEnferRecensioniRivistaProfili di autori
ContattaciAtlante Letterario Bacheca pubblicaCompitipro_shakespeare2

 «In Sicilia più che altrove è arduo discriminare moti di umanità autentica e motivi di disumanità mascherata. Nello stato di crisi perenne in cui versano tutti i rapporti dell'io con gli altri e   con se stesso, unica legge di comportamento universale è la doppiezza: mai confidare, neanche alla propria coscienza, ciò che si pensa, si fa e si vuole davvero. Così, le apparenze più grandiose celano le  realtà più meschine; le proclamazioni di idealità più pure hanno un rovescio di filisteismo spregevole. La finzione è non solo necessità ma istinto e assieme arte di vita».

Vittorio Spinazzola, Il romanzo antistorico,  Editori Riuniti, Roma 1990, pag. 18
La Frusta Letteraria - Rivista di critica culturale on line