Riporto di seguito un dibattito a più voci da Usenet (il Newsgroup "Italia Cultura Libri"). 
Alllora mi firmavo  "homais", come il farmacista di "Madame Bovary" di G. Flaubert

°°°°
L'ultimo libro di Arbasino

Raffaello           22-12-2004, 17:06
Lo avete letto?( Marescialli e Libertini, Adelphi)
Io , come al solito l'ho comprato ma trovo che l'accumulazione di nomi e
fatti ha raggiunto davvero l'eccesso .
Molto piu' piacevoli a leggersi le opere degli anni '60 e 70....
Che ne pensate ?

Raffaello

homais          22-12-2004, 19:54

Raffaello ha scritto:
Lo avete letto?( Marescialli e Libertini, Adelphi)
Io , come al solito l'ho comprato ma trovo che l'accumulazione di nomi e
fatti ha raggiunto davvero l'eccesso .
Molto piu' piacevoli a leggersi le opere degli anni '60 e 70....
Che ne pensate ?


Arbasino è sempre stato così, dai tempi delle collaborazioni al Mondo,
fine anni '50. Prendere o lasciare, io ho preso e mi sono divertito e
istruito un mondo.

A proposito dell'accumulo dei nomi, il geniale Alberto replicava a chi
glielo rimproverava, a un dipresso con queste parole: "Forse che vi
lamentate quando il telecronista vi spiattella sul microfono i nomi di
TUTTI e ventidue i giocatori in campo? E io, questo faccio: cito TUTTI i
giocatori della partita della cultura"

E allora? Prendere o lasciare? Prendere, prendere: è Alberto Arbasino,
dopotutto il più grande scrittore italiano vivente (lui sì, non Faletti,
orrendo D'Orrico!)

Allego una mia rece, dove dopo 25 anni di lettura di Arbasino ne prendo le
distanze:

http://lafrusta.homestead.com/rec_arbasino.html


-


Diego Cuoghi22-12-2004, 22:44
homais <EMAIL REMOVED> wrote:
Allego una mia rece, dove dopo 25 anni di lettura di Arbasino ne prendo le
distanze:

http://lafrusta.homestead.com/rec_arbasino.html


Molto bella, complimenti.
Però prendo le distanze da questa recensione :-)
Lessi Super Eliogabalo intorno al 1976 nella prima edizione Feltrinelli
(1969). Di lui già avevo letto molto, tutto quello che potevo trovare
allora, quindi ero preparato al suo modo di scrivere. Dopo aver letto
tanti americani pop e kitsch e camp (Barthelme, Pynchon, Vidal,
Vonnegut, Purdy, Brautigan...) mi sembrò di trovare molto di quello
spirito giocoso e apocalittico anche in questo libro di Arbasino. Mi
divertii moltissimo col Super Eliogabalo pur perdendo per strada tanti
riferimenti, visto che, poco più che ventenne, non conoscevo forse
neanche metà dei nomi citati.

Nel '78 Einaudi ripubblicò lo stesso titolo in una edizione riveduta e
corretta. Grossa delusione. L'autore aveva aggiunto moltissimi brani a
mio avviso inutili e pesanti. Soprattutto mi infastidì l'insistenza su
pratiche sessuali esoteriche probabilmente molto di moda nei locali
newyorchesi e parigini di quel periodo, tipo "pioggia dorata", "fist
fucking" e varia coprolalia. Sono tutt'altro che bacchettone ma mi
sembrarono inutili concessioni alle mode hard-sex del momento (oggi già
démodée). Ora non so se quest'ultima edizione Adelphi sia un ulteriore
ampliamento come è già successo con Fratelli d'Italia (tre edizioni di
corposità in scala logaritmica), se è così ti consiglierei di ritentare
con la prima edizione se riesci a trovarla in qualche biblioteca.

La stessa delusione l'ho provata anche con le edizioni 2 e 3 di
"Fratelli d'Italia". Preferisco la prima, più asciutta e smilza, una
giusta miscela di romanzo e saggio, mentre l'ultima è diventata un
mattone pesantissimo pieno di chiacchiericcio a volte fastidioso. Quella
intermedia di Einaudi non l'ho capita. Soprattutto mi spiazzò il
cambiare nome ad uno dei protagonisti. Forse voleva emulare Manzoni che
mutò Fermo in Renzo? Ma che senso ha cambiare Antonio in Andrea? Per poi
tornare ad Antonio nell'ultima versione Adelphi?

A questo proposito riporto il link ad un messaggio che scrissi qui in
IAL su "Fratelli d'Italia":

http://www.google.it/groups?as_umsgid=1efrwry.bc2wa01imaolcN%25kilgoretr
&lr=&hl=it

Mi viene in mente la mia caccia ai libri introvabili di Arbasino nelle
vecchie librerie alla fine degli anni '70: da Feltrinelli a Milano
esultai per una prima edizione della "Narcisata" (si voltarono in
molti), mentre alla Internazionale di Bologna scovai in uno scaffale in
doppia fila il raro "Le due orfanelle" dedicato a Firenze e Venezia.
Sempre a Bologna in Via Galliera c'era una buia libreria dell'usato,
gestita dalle due classiche vecchine delle fiabe; lì trovai la grossa
edizione rilegata Feltrinelli di "Parigi o cara", di recente
ripubblicato in versione decimata da Adelphi. Poi la prima edizione di
"Anonimo Lombardo" con diversi racconti mai più ristampati in seguito.
Perfino uno strano racconto su una nonna morta chiusa in un bagagliaio,
pubblicato in una antologia del Reader's Digest (giuro, esiste).

(sottovoce, con tono da spacciatore) ...se ti interessano ho alcune
"Interviste impossibili" registrate alla radio negli anni '70. Grosse
ghiottonerie: Arbasino incontra Ludwig II di Baviera (con Carmelo Bene),
Gabriele D'Annunzio (con Gianni Santuccio), Nerone (con Mario Missiroli)
Oscar Wilde (con Carmelo Bene), Giovanni Pascoli (con Quinto
Parmeggiani).
Potrei metterle in uno spazio web per un eventuale download.

--
D I E G O C U O G H I
www.diegocuoghi.com


homais     22-12-2004, 23:51

Diego Cuoghi ha scritto:
Molto bella, complimenti.


Grazie, ho un debito con Arbasino. La "farmacia" mi impedisce di
occuparmene come vorrei. Gli dedicherei un monsone di pagine web...
Però prendo le distanze da questa recensione :-)

/...

Tu prendi le distanze dalla recensione che prende le distanze dall'amato
Arbasino. Più avanti lamenti le stesse cose che sono dispiaciute a me.
Ho letto l'edizione Adelphi del Supereliogabalo e l'edizione Einaudi di
Fratelli d'Italia (1976). Vuoi vedere che la nostra *sedizione* parte
dall'*edizione*?
Ora non so se quest'ultima edizione Adelphi sia un ulteriore
ampliamento

E come no: dal sottotetto bohémien al lussuoso loft con vista sull'Hotel
Abisso. Arbasino amplia, nevroticamente amplia, per la gioia dei filologi
e la noia dei lettori anche più affezionati. Io lessi le oltre 600 pagine
dei Fratelli del '76 (e sulle bancarelle milanesi ghermii la smilza
edizione del '61, da cui, ricordiamolo, prese il titolo il libro che
clonava il testo del Mameli nell'anno del centenario dell'Unità d'Italia),
ma ho guardato con spavento alle oltre 1300 pagine dell'edzione Adelphi.

(sottovoce, con tono da spacciatore) ...se ti interessano ho alcune
"Interviste impossibili" registrate alla radio negli anni '70. Grosse
ghiottonerie: Arbasino incontra Ludwig II di Baviera (con Carmelo Bene),
Gabriele D'Annunzio (con Gianni Santuccio), Nerone (con Mario Missiroli)
Oscar Wilde (con Carmelo Bene), Giovanni Pascoli (con Quinto
Parmeggiani).


E a proposito di chicche, chi ricorda l'Arbasino televisivo, che nei
fatti, in pieni anni 70 (forse il '76) lanciava la televisione spazzatura,
con la trasmissione "Ring" (proprio!, ripresa da Bagnasco, forse, non
ricordo) dove venivano ad azzuffarsi i protagonisti del teatro e del jet
set? E dire che ciò che lui tentava di riprodurre nel laboratorio
televisivo, con sapienti "provocazioni", sarebbe venuto poco dopo, per
germinazione spontanea, dalla pancia dell'ormai completamente
tevisivizzato (traduco il français télévisé) popolo italiano.
Io preferisco l'Arbasino civile, verriano, illuminista-lombardo (che c'é)
e il lettore onnivoro e informatissimo tipo "gita a Chiasso"; ma temo che
quello della narcisata e del ron-ron Homintern e del puro culo abbia
preso, invecchiando, il sopravvento, com'è successo a quel povero geppetto
di Vattimo.
Ma, in fondo, non si diventa ciò che si è?
saluti
homais

Potrei metterle in uno spazio web per un eventuale download.

--


Diego Cuoghi23-12-2004, 00:38

homais wrote:
E a proposito di chicche, chi ricorda l'Arbasino televisivo, che nei
fatti, in pieni anni 70 (forse il '76) lanciava la televisione spazzatura,
con la trasmissione "Ring" (proprio!,


Mi ricordo, sì mi ricordo :-)
Una puntata con Nanni Moretti e Mario Monicelli, un'altra con Giorgio
Bocca e Indro Montanelli, poi Giorgio Albertazzi e chi? Carmelo Bene non
mi pare, lo avrei ricordato...
Io preferisco l'Arbasino civile, verriano, illuminista-lombardo (che c'é)
e il lettore onnivoro e informatissimo tipo "gita a Chiasso";


Vero, io ho letteralmente mangiato quelle miniere di letteratura,
teatro, critica, insomma... storia della cultura europea, che sono
"Parigi o cara", "La maleducazione teatrale", "Certi romanzi", "Grazie
per le magnifiche rose", "Sessanta posizioni", "Un paese senza". Da lì
in poi ho un po' rallentato l'entusiasmo.
ma temo che
quello della narcisata e del ron-ron Homintern e del puro culo abbia
preso, invecchiando, il sopravvento, com'è successo a quel povero geppetto
di Vattimo.


Geppetto... hai ragione :-)
Ascoltato in piazza a Sassuolo all'ultimo Festival della Filosofia.
Da fuggire.
Ma, in fondo, non si diventa ciò che si è?


Parafrasando Nanni Moretti allora potrei sperare di diventare a breve
quello "splendido cinquantenne" che sono sempre stato :-)))

--
D I E G O C U O G H I
www.diegocuoghi.com
Linnio23-12-2004, 06:19

"Diego Cuoghi" <EMAIL REMOVED> ha scritto
Mi ricordo, sì mi ricordo :-)
Una puntata con Nanni Moretti e Mario Monicelli, un'altra con Giorgio
Bocca e Indro Montanelli, poi Giorgio Albertazzi e chi? Carmelo Bene non
mi pare, lo avrei ricordato...


la kustermann, accompagnata da giancarlo nanni, se non ricordo male , a
discettare di teatro d'avanguardia vs. teatro tradizionale.
Vero, io ho letteralmente mangiato quelle miniere di letteratura,
teatro, critica, insomma... storia della cultura europea, che sono
"Parigi o cara", "La maleducazione teatrale", "Certi romanzi", "Grazie
per le magnifiche rose", "Sessanta posizioni", "Un paese senza". Da lì
in poi ho un po' rallentato l'entusiasmo.


imperdibile anche "il meraviglioso anzi", come anche "lettere da londra". mi
mancano, hèlas, "certi romanzi" e "sessanta posizioni", citatissimi da più
parti, ma anche, temo, esauritissimi.


homais      23-12-2004, 14:07

Diego Cuoghi ha scritto:
Vero, io ho letteralmente mangiato quelle miniere di letteratura,
teatro, critica, insomma... storia della cultura europea, che sono
"Parigi o cara", "La maleducazione teatrale", "Certi romanzi", "Grazie
per le magnifiche rose", "Sessanta posizioni", "Un paese senza". Da lì
in poi ho un po' rallentato l'entusiasmo.


Sono libri straodinari. Certo Arbasino ci esortava a sprovincializzarci e
faceva bene. Fa sempre bene dire a qualcundo di darsi una mossa. E
tuttavia l'Italietta degli anni Cinquanta non era quella sciatta e incolta
signora che lui voleva farci credere (e d'altra parte tutti i suoi wow!
retrospettivi sulle esecuzioni alla Scala e sulle mostre e sui libri
straoooordinari di quegli anni, come si saldano con i suoi bronci
giovanili e le esortazioni delle gite a Chiasso?). C'è provincia e
provincia: Montale, che lui detestava, dal fondo del gabinetto Viesseux,
aveva letto davvero tutti i libri, basta dare una scorsa all'indice dei
nomi dei due grossi volumoni Meridiani de "Il secondo mestiere"... e
giunse alle vette dell'arte, e l'Italia con lui, tanto da meritargli uno
dei Nobel più giusti che siano mai stati dati. Il nostro Novecento è
grande, non ha nulla da invidiare agli altrui Novecento, e nel chiuso
della mia stanza, per dire, talora insceno il mio intimo e fesso scambio
di figurine (uno Svevo per un Musil, un Gadda per un Céline).

Parigi resta sempre Parigi, ovvio, ma i superciliosi intellò franzè ne
hanno fatti di pasticci, con e senza lo strutturalismo: il nouveau roman
ha dato una mazzata definitiva alla grande tradizione narrativa francese.
Da noi le avanguardie si sono impiegate alla Rai e qualcuno ha tirato dal
cappello a cilindro il romanzo-romanzo, camuffato da post-romanzo... Ma
sconfino in un discorso più vasto che richiederebbe maggiori dettagli, più
testi sottomano e una ricognizione più circostanziata della storia
letteraria italiana del periodo in cui Arbasino ha vissuto e operato (1950
- 2004).

Resta il potente stimolo dei suoi libri critici. La sfilza di nomi e
volumi e giudizi messi in serie con una velocità vertiginosa, ammaliante,
accattivante, stordente. Ho sempre consigliato Arbasino ai gggiovani:
chissà se lo leggono (la congrega degli Homintern certo che lo legge:
Fortunato, Tondelli, ma si fermano all'Anonimo Lombardo, alla verifica
generazionale del come vivevano le emozioni gay i gay dei '50). Ma a noi
deve interessare l'Arbasino critico dei costumi e delle lettere: la sua
verve, la sua eruzidizione, la sua leggerezza, che c'era già prima che
Calvino la assumesse a lezione americana.
saluti  homais (alias Alfio Squillaci)







Alberto Arbasino - Super-Eliogabalo - Adelphi,  Milano 2001

Appunti di lettura

«Super-Eliogabalo, scritto nel '68, era la trama finita male di un giovane facoltoso rivoluzionario in lotta contro ben quattro madri terribili, tutte anni Trenta e Parioli, volpi bianche e telefoni bianchi, e in polemica col Pontefice, un personaggio drammatico perché a capo di  una gang di produttori di miracoli, però essendo l'unico a credere davvero  in Dio. Ma non potendolo confessare a nessuno, per non venir preso in giro dai dipendenti. (Eliogabalo finisce come Gianciacomo, ma prima).»
Con queste parole Alberto Arbasino ricordava sul Corriere della Sera del 17/3/2002 la prima edizione di questo romanzo nonché l'amico Giangiacomo Feltrinelli.
Occorre dire che la presentazione del benevolo autore sembrerebbe promuovere un manufatto letterario molto vicino al romanzo (trame, personaggi, un cenno d'azione). Niente di più lontano dalla realtà dei fatti oltre che dall'intenzione dello stesso Arbasino che mai ha scritto romanzi bensì anti-romanzi. E si fa fatica a rintracciare sulla pagina scritta anche quel  plot sunteggiato dallo stesso autore. Arbasino detesta il romanzo come narrazione consecutiva (lo ritiene una forma defunta) e concede il dato narrativo-realistico solo  in un contesto parodico, annegato nel pastiche. Ha letto tutti gli strutturalisti e conosce tutte le Funzioni narrative ed è tanto  Lector in fabula che neanche per scherzo aprirebbe  una narrazione  o una trama proliferante  con un ingenuo e sapientissimo «Era una bellissima giornata di fine novembre», com'è accaduto all'ironico e sapientissmo Umberto Eco de Il nome della rosa.
E dunque... solo elenchi e lacerti saggistici e tirate macrologiche e intarsi di citazioni e descrizioni ridondanti e poesiole fumiste  e filastrocche e avanguardismi vari  e nonsense e calembour (traTotò e Artaud) e parodie e  musical... e narrazioni sì, ma a flash, che per lo più si concludono con battutine non sempre fulminanti.
 
Per "capire" Arbasino e tentare di leggere Super-Eliogabalo bisogna avere davanti agli occhi Las Vegas, quel luogo in cui nella laguna di Venezia si specchia il Palazzo dei Cesari e sui cristalli della down town nuiorchese si riflette la Sfinge egizia. Analogamente, sullo stesso asse temporale, azzerando gli evi, tutto viene quì disposto in un "adesso"  narrativo atemporale ed eterno in un fuori porta romano ed ostiense dove si esce dalla lettiga di Eliogabalo per entrare in un supermarket. 
 In Super-Eliogabalo Arbasino dilata alcuni tratti di Gadda (soprattutto del Pasticciaccio dove le Lavinie  verduraie e i Romoli questurini di oggi  forniscono gli agganci per quelli di ieri). L'Eternità di Roma, infatti, è colta metastoricamente in un continuo rimando dalla Decadenza, il periodo dell'Impero Romano  più amato dai tempi di Huysmans - che invero sembra essere iniziato col primo Imperatore -,   e l'Oggi e viceversa, in una sovrapposizione giocosa e iperculta, in una parodia fine e dissacrante senza fine...
Ma molto materiale visivo di questo libro proviene diretto dai peplum degli anni '60, dai film di Ercole e Maciste per intenderci...

Fedele alla poetica del «lasciatemi divertire» del sempre amato Palazzeschi,  tutta la  scrittura di Arbasino è un rutilante e fantasmagorico ed enciclopedico collage di tutti gli stili, di tutte le poetiche, di tutti i libri della civiltà occidentale. O meglio: la messa in tensione ed interazione di tutte queste cose per vedere... l'effetto che fa. Professional kitsch e camp (e trash) sono le parole chiave della sua poetica, cui bisogna aggiungere Kulturkritik (in ombra in queste pagine rispetto agli altri ingredienti ), il tutto fondendo il livello culturale alto e quello plebeo, il sublime ed il pecoreccio, evitando come la peste lo stile medio e impostato e il midcult
Ciò vuol dire che davanti (e dietro) e prima (e dopo) di questa gigantesca voglia di giocare leggermente col dato culturale,  c'è una civile e sottile polemica contro tutti i luoghi comuni, le idee ricevute, le pigrizie mentali del nostro tempo. Un fondo "moraliste", dunque,  seppur di un uomo che come diceva Pasolini s'è «amputato tutti i sentimenti». Arbasino si diverte  (perculeggia direbbero a Roma) e il suo impegno parrebbe il più disimpegnato impegno che si conosca se non sapessimo che egli ha rinunciato ad ogni Idea-forza, all'ossequio di un'Idea Centrale, all'obbedienza di una  Ideologia, all'ancoraggio ad un  Punto di Riferimento, conducendo una personale  e solitaria (e negli ultimi tempi assillante, vedi le lettere spedite a tutti i quotidiani) battaglia a favore dell'intelligenza critica, del persiflage colto, del marameo scettico che spesso mi sembra barcollare -  tanto è ossessiva la sua insistenza sugli stessi temi -   sul crinale di una "disperazione" nichilista.

Il lettore medio  stia lontano da questo libro exclusive destinato agli 
happy few probabilmente omosessuali, a quell'Internazionale gay (o
Homintern secondo la stessa dicitura di Arbasino) che si aggira tra la moda, il cinema, il jet e lo smart set. L'estetica di questo lavoro è infatti tutta dentro i codici gnomici, visivi e retorici  della comunità gay internazionale. Da lettore affezionato di Arbasino - ho amato Certi romanzi,  Un paese senza e Fratelli d'Italia e gli debbo molte dritte nel campo del sapere letterario -, ma soggiogato da opzioni sessuali etero (nessuno è perfetto!), spesso ho avuto, mentre leggevo, la sensazione di aver sbagliato film, d'essere entrato nella chat sbagliata, di sfogliare la rivista Babylonia... troppo strass, troppo bistro, troppi lustrini, troppo lamé... E l'accumulo di dati e di particolari superflui e di citazioni testuali e intertestuali tesi a creare l'effetto Festa Barocca dà, alla lunga, un senso di nausea e sazietà. Troppi culi in libertà, signora mia.

(Spesso mi sono chiesto perché i libri di Arbasino non vengano quasi mai tradotti all'estero, neanche in Francia, nazione a lui più di ogni altra consentanea, e dove una traduzione non viene negata a nessuno sia esso Addamo o Ferrandino. Forse perché Arbasino fa troppo il Parigino fra gli Ottentotti, e, a Parigi, che hanno i parigini autentici, sono attratti perlopiù dal tipico e dal "primitivo" italiano, ossia dai nostri Ottentotti).

Alfio Squillaci


Cerca in questo Sito o nel web Servizio fornito da FreeFind

La Frusta! Cerca nel Web
dal 7 settembre 2002
Vitam Heliogabali Antonini, qui Varius etiam dictus est, numquam in litteras misissem, ne quis fuisse Romanorum principem sciret, nisi ante Caligulas et Nerones et Vitellios hoc idem habuisset imperium. Sed cum eadem terra et venera ferat et frumentum atque alia salutaria, eadem serpentes et cicures, conpensationem sibi lector diligens faciet, cum legerit Augustum, Traianum, Vespasianum, Hadrianum, Pium, Titum, Marcum contra hos prodigiosos tyrannos.  Simul intelleget Romanorum iudicia, quod illi et diu imperarunt et exitu naturali functi sunt, hi vero interfecti, tracti, tyranni etiam appellati, quorum nec nomina libet dicere. Igitur occiso Macrino eiusque filio Diadumeno, qui pari potestate imperii Antonini etiam nomen acceperat, in Varium Heliogabalum imperium conlatum est, idcirco quod Bassiani filius diceretur. Fuit autem Heliogabali vel Iovis vel Solis sacerdos atque Antonini sibi nomen adsciverat vel in argumentum generis vel quod id nomen usque adeo carum esse cognoverat gentibus, ut etiam parricida Bassianus causa nominis amretur.  Et hic quidem prius dictus est Varius, post Heliogabalus a sacerdotio dei Heliogabali, cui templum Romae in eo loco constituit, in quo prius aedes Orci fuit, quem e Suria secum advexit.  Postremo cum accepit imperium, Antoninus appellatus est atque ipse in Romano imperio ultimus Antoninorum fuit. 
Il testo di Arbasino si ispira al racconto della vita di Eliogabalo dell'Historia Augusta condotto da ÆLIUS LAMPRIDIUS vissuto all'inizio del IV secolo d.C, sotto i regni di Diocleziano e di Constantino il Grande, ai quali dedicò i suoi scritti. Ne riportiamo il primo capitolo  in originale con relativa traduzione.
---------
Historia Ausgusta
Vita di Antonino Eliogabalo.
(Imp. 218-222 d.C.)
di Elio Lampridio

 Mai avrei potuto decidermi a scrivere la vita di Antonio Eliogabalo, che fu anche chiamato Vario, ed a fare conoscere al mondo che i Romani hanno avuto per principe un simile mostro, se  prima di lui questo stesso impero non avesse già conosciuto Caligola, Nerone e Vitellio. Ma poiché la stessa terra produce il veleno che uccide ed il grano che fa vivere, offre il rimedio accanto al male, e dà nascita al serpente ed alla cicogna, il lettore attento stabilirà nel suo spirito la compensazione, poiché, potrà opporre a tiranni così enormi, Augusto, Vespasiano, Tito, Traiano, Adriano, Antonino Pio, Marc'-Aurelio. Comprenderà allo stesso tempo quali furono i giudizi dei Romani; i buoni imperatori hanno regnato a lungo e sono stati tolti al mondo soltanto dalla morte naturale: mentre gli altri furono uccisi, trascinati  ignominiosamente, bollati come tiranni: i loro stessi nomi si pronunciano malvolentieri. Così, dopo la morte violenta di Macrino e di suo figlio Diadumène, che condivideva l'impero con lui, ed aveva ricevuto il nome di Antonino, il potere fu deferito a Vario Eliogabalo, perché passava per essere figlio di Bassiano. Questo Eliogabalo fu sacerdote di Jupiter o del Sole, e si era arrogato il nome di Antonino, sia come prova che egli proveniva da questa famiglia, sia perché sapeva che questo nome era così tanto caro al  popolo che lo stesso parricida Bassiano   era gradito a causa di questo nome. Fu inizialmente chiamato Vario, quindi Eliogabalo, come sacerdote del dio Eliogabalo di cui aveva importato il culto dalla Siria, ed al quale alzò un tempio in Roma al posto anche dove si vedeva prima la volta di Plutone. Infine, al suo arrivo al trono, si fece chiamare Antonino, e fu l'ultimo imperatore con questo nome.
<<<Torna all'indice Recenisoni
IL PROFILO REDATTO DA "DAGOSPIA "


Arbasino Alberto 

Fine scrivitore. Lo scrittore più provinciale e cosmopolita d'Italia ha esordito come giurista internazionale. La conversione è avvenuta a Londra nel 1956 con una serie di corrispondenze confidenziali che hanno stregato l'austera redazione del Mondo di Mario Pannunzio per la grazia inattesa d'una prosa affogata nell'erudizione, strapazzata dalla trivialità e intarsiata di corsivetti inglesi ritenuti intraducibili ( mondo collapsed, luncheon, molto tough, la perenne agony, il movimento up and down, gli anni Trenta revisited). Vent'anni dopo, Eugenio Scalfari lo chiama a Repubblica, piegandolo al reportage globale di mostre e spettacoli, al commento di fatti di cronaca, e alle polemicucce estemporanee. Considerato "a national tragedy" da certi colleghi internazionali che come lui partecipano ai convegni in California sulla Fine della Tradizione, lo scrittore confessa di rivolgersi "a un piccolo pubblico di persone colte e non volgari, e giustamente esigenti sulla qualità della vita", tant' è che la principessa monarchica Elvina Pallavicini, per festeggiare la terza edizione di "Fratelli d'Italia", ha aperto le porte del Casino dell'Aurora affrescato da Guido Reni. Soprannominato dagli amici "La variante di se stesso", lavora sempre "con buona musica di fondo e solo se ne ha davvero voglia, come succede col cibo e col sesso". Scrive lettere ai giornali ed è probabile che si sia fatto il lifting.

Esempio 1
Alberto Arbasino
Composto nel '68 e pubblicato l'anno successivo questo romanzo colse sul campo il senso più autentico di quella celebre figura giovanile: una decadenza romana archetipica, vissuta coi teatrini e i fumetti delle migliori avanguardie storiche. Contro ogni oppressione razionalistica, politica e scientifica, uno sfrenato cabaret "pop" dell'immaginazione e del desiderio. 

[…] Scrive Arbasino: «Sento dire spesso che sarei uno scrittore barocco, ma la definizione non mi soddisfa. Mi considero piuttosto uno scrittore espressionista. L’espressionismo non rifugge dall’effetto violentemente sgradevole, mentre il barocco lo fa». 

Certo il barocco non ha nulla a che fare con la ricerca dell’effetto parlato (la riproduzione del suono del parlato) che è il marchio della scrittura di Arbasino. L’oralità non era un obiettivo del barocco. Lo è di Arbasino. E nell’oralità le parole si addensano,perdono di senso e acquistano di rilievo, si fanno materiali. 

Densità, materialità, immediatezza, sono le caratteristiche di queste lunghe pagine di Marescialli e libertini, ognuna delle quali affollata (fino a esplodere) di nomi di autori e ancora di autori che quegli autori richiamano o solo inducono a ricordare, di titoli di opere o di altre opere che a quelle opere sono anche lontanissimamente collegate, di interpreti (anche di grafia aspra) di cui si è perso o flebilmente galleggia il ricordo, di nomi di città, continenti, teatri, hotel, amici, nemici ecc. il tutto come shakerato alla ricerca di un effetto di leggerezza (qualcuno ha detto che la leggerezza è uno stato violento) garantendo un risultato che lievita come una torta sempre sul punto di traboccare. 

E allora non mi meraviglia che il capitolo più ponderoso di questo Marescialli e libertini è quello riservato a Strauss («Quello Strauss vigoroso, estroverso, impulsivo, scaltro … capace di grandi entusiasmi e appetiti culturalmente vitali») che tra i compositori novecenteschi è quello (almeno così a me pare) al quale Arbasino si sente più vicino. Lo confessa lo stesso Arbasino quando, riferendosi alle difficoltà che dovette affrontare sul lato della comunicazione al tempo della stesura di Fratelli d’Italia, scrive: «Però l’impareggiabile Richard Strauss - aveva già dimostrato con tutta la sua inesauribile opera che i problemi della difficoltà espressiva si superano comunicando soprattutto espressività. Altro che “discorso”, o dialettica. Lì più di un Ego si blocca». Comunicare espressività, insisto, è il marchio capitale della scrittura di Arbasino e si manifesta in termini clamorosi, più che in altri, proprio in questo libro.

In quest'opera enciclopedica di Arbasino che chissà per i posteri potrà costituire il Vasari dello spettacolo dove cercare prove e testimonianze di eventi oscuri o dimenticati e che per noi rappresenta una riproposta del romanzo storico ripensato a oggi quando la storia è heghelianamente alla fine. È un romanzo piacevolmente inquietante, di oscura limpidità come è di tutti i grandi libri di ieri tra profetismo e informazione.

Angelo Guglielmi
l'Unità
Prima paginaFili di fumoEnferRecensioniRivistaProfili di autori
ContattaciAtlante Letterario Bacheca pubblicaCompiti

Pagine correlate:
<<< Alberto Arbasino: La bella di Lodi
<<< Alberto Arbasino: La vita bassa

Alberto Arbasino cosmopolite provincial


Le principal avantage de la vogue actuelle de la littérature italienne en France aura été d'attirer l'attention sur des oeuvres naguère traduites, mais peu ou pas du tout lues, et de porter enfin à la connaissance du lecteur des écrivains que seuls les gens du bâtiment connaissaient, et encore de loin.

Comme si le montreur de marionnettes du théâtre littéraire, réveillé en sursaut, avait tiré leurs ficelles, on vit surgir sur scène de grands écrivains : il y a quelques années, Alberto Savinio et Carlo-Emilio Gadda ; hier, Aldo Palazzeschi, qui avait été déjà traduit à plusieurs reprises sans avoir cessé d'être un inconnu ; et Anna Maria Ortese, qui demeurait inédite et dont les éditeurs se disputent les titres après la publication récente de l'Iguane.

Aujourd'hui, c'est le tour d'Alberto Arbasino, qui, lui, n'avait fait que passer, il y a une quinzaine d'années, avec un roman distrayant, la Belle de Lodi (1). Deux éditeurs nous proposent, l'un son premier ouvrage de fiction, les Petites Vacances (1957), et l'autre, Miroir, gentil miroir (1975), le dernier roman qu'il ait publié. Car Arbasino semble avoir renoncé au genre romanesque, tout en continuant de publier avec régularité des essais et des recueils de chroniques, où l'on trouve des portraits et des scènes qui en font d'admirables nouvelles.

Comme Vittorini et Moravia, comme Pasolini ou Sciascia, Arbasino est l'un de ces animateurs dont n'a jamais manqué la Péninsule, qui pourfendent non seulement les conformistes mais, surtout, le conformisme des anticonformistes. Avec ceci de particulier que sa passion est de faire circuler les idées nouvelles, si elles viennent d'ailleurs, et de faire dialoguer les contraires : la science et l'art, la peinture et la philosophie, etc. C'est ainsi qu'il met face à face, dans les années 60, le formalisme russe et le structuralisme français, le pop-art, Lévi-Strauss, Barthes, Jakobson et, au nom du renouveau de l'opéra, la Callas.

Globe-trotter infatigable, encyclopédiste de l'éphémère, au courant de tout ce qui se passe aux quatre coins de la planète, Arbasino pratique comme personne l'art de la citation, établissant des analogies imprévisibles entre les phénomènes les plus disparates, toujours à l'affût, et souvent en avance.

Cette boulimie d'information, disons le mot, de culture, a peut-être une explication très simple : Alberto Arbasino, le cosmopolite, est, de façon radicale, un provincial, dans le sens le plus positif du terme.

Un monde sans pesanteur

Né en 1930 à Voghera, petite ville entre Pavie et Gênes, mais ayant pour ainsi dire grandi dans la riche bibliothèque familiale, il éprouva vite l'horreur de la province et de l'esprit provincial qui était celui de l'Italie jusque dans les années 50.

On songe, ici, à Mauriac, qui, à ce sujet, disait : " Tout le temps que nous avons cru perdre, jeune homme aigri, dans une province étouffante, nous lui devons nos armes les plus sûres." Et aussi : "La plus heureuse fortune pour écrire des romans, c'est d'être né en province (...). Les personnages se pressent en foule pour accomplir tout ce que son destin le détourna de commettre : où le père n'est pas passé, l'enfant imaginaire passera."

On peut aussi penser à Borges, dont on continue de répéter à tort qu'il est un écrivain européen. En vérité, s'il a inventé le fantastique de l'érudition, c'est parce que, né dans l'une des plus lointaines provinces de l'Occident, n'appartenant pas à une culture établie, fermée, il a glané au petit bonheur la chance des notions et des images dans toutes les littératures.

Quand, à vingt-quatre ans, Arbasino écrivait les Petites Vacances et qu'il aimait Proust et Scott Fitzgerald, il souhaitait que ses mots ne pèsent ni ne posent, qu'ils créent un monde sans pesanteur, où la vie, transfigurée, serait, telle que Virginia Woolf la concevait, un "halo lumineux".

Parmi ces nouvelles, il est difficile de ne pas préférer Eté prolongé: c'est l'adolescence dans la vaste demeure d'été, et c'est peut-être le dernier été insouciant sous les tonnelles bourdonnantes d'insectes. On joue au tennis, on essaie la première voiture, le coeur égrène tous les instants du jour violent et pur ; peut-être la mort ne viendra-t-elle jamais, peut-être n'est-elle que pour les autres, l'esprit fait bloc avec le corps... Mais, soudain, les folles alarmes du coeur font se lever les premières pensées d'une trahison possible. On craint de n'être plus aimé alors qu'on a cessé d'aimer, et l'on ignore que l'amour inaccompli est le plus redoutable, en ce qu'il dure toujours et qu'il ne finit pas d'être triste. Enfin, un jour on quitte le paradis sans s'en apercevoir.

Un autre récit remarquable _ Giorgio contre Luciano _ est celui d'un amour, justement accompli, entre deux garçons: l'un qui est le séducteur, et l'autre qui ne se doute de rien et qui finira désespéré lorsque le premier, ayant satisfait son désir, l'abandonnera, le rendant à la ville de province où rien ne passe inaperçu, où l'on guette toujours le péché pour ne jamais cesser de le juger et de le punir.

Quant à Miroir, gentil miroir, il s'agit d'un exercice de haute voltige où il n'est pas interdit de voir à la fois une parodie de d'Annunzio et un hommage à Ronald Firbank, l'auteur de la Princesse artificielle (2) et des Excentricités du cardinal Pirelli (3), mort à Rome en 1926. Arbasino doit être l'un des seuls guides capables de vous conduire jusqu'à la tombe oubliée du cimetière romain où l'extravagant Anglais dort de son dernier sommeil...

Une divine marquise sicilienne

Entre fin de siècle et Belle Epoque, Miroir, gentil miroir est l'histoire d'une baronne libertine, une sorte de divine marquise sicilienne qui a besoin de s'inventer tout un théâtre de masques et de viols pour arriver au plaisir...

A la différence de Firbank, qui fait proliférer les non-sens jusqu'à obtenir une rigoureuse cohérence dans l'artifice, le narrateur, Arbasino lui-même, entre et sort du récit, tel l'acteur qui trahit les personnages du drame en multipliant les apartés à l'adresse du public pour en faire son complice. Et cette façon de démailler la narration, d'arrêter la fiction pour ensuite la relancer, de façon intermittente, est, en fait, ce qui caractérise les romans d'Arbasino à partir de son deuxième ouvrage, l'Anonimo lombardo (1959), où réapparait le thème de l'amour homosexuel, mais comme entouré de barbelés de citations en bas de page.

Par ailleurs, son roman le plus ambitieux, Fratelli d'Italia, s'offre d'abord, un peu à la manière de Marelle, de Cortazar, comme un travail maniaque sur la " structure " et la " forme " : " Ah ! s'exclameArbasino, lorsque, quelque treize ans après sa publication, il réécrit ce roman, quelle exci-tation créative et critique n'éprouvait-on pas en démontant et en remontant le jouet surgi au croisement de tant d'euphories... avec tous ces petits tiroirs remplis d'ustensiles fascinants... en essayant une " clé " après l'autre, jusqu'à ce que la serrure bloquée cède... "

Ne pas être dupe, montrer que la fiction n'est qu'une fiction, qu'il n'y a pas de profondeur, qu'un roman est avant tout un agencement impeccable d'aventures irresponsables, ont été des manies ou des caractéristiques de la littérature de l'avant-dernière décennie. Mais Arbasino, un moment séduit, sut vite prendre le large et ses distances : les intermittences du goût, des manières, le recensement de gestes, l'inventaire de ces tournures de langage propres à une époque, à un milieu, qui classent ou déclassent les gens, étaient la substance même dont il allait continuer de nourrir son oeuvre.

Joubert disait que celui qui a de l'imagination sans érudition a des ailes et n'a pas de pieds. Ni les unes ni les autres n'ont jamais manqué à Arbasino, l'un des écrivains italiens les plus représentatifs de ce que l'on appelle la " crise de la civilisation ", crise qui réside, peut-être, dans la perpétuelle difficulté de trouver un équilibre véritable, une affinité spirituelle entre la connaissance et l'art.

Si quelqu'un a des chances d'y parvenir, c'est bien notre Italien.

HECTOR BIANCIOTTI 

Article paru dans l'édition du 30.12.88

Arbasino giudica i suoi scritti: “Super-Eliogabalo”
di Alberto Arbasino
[dal “Corriere della Sera”, domenica 15 febbraio 1970]

Normalmente ricevo giudizi molto disparati: magnifiche lodi e incomprensio ni totali, imbarazzanti silenzi e orribili insulti. Forse perfino elogi per errore. Da parte mia, quando scrivo un libro, cerco di «programmare una struttura », di « mettere a punto una macchina ». E simmetricamente, quando faccio una recensione, tento di « smontare un congegno » per vedere come è fatto dentro.

Nel caso del Super-Eliogabalo, il ‘progetto’ prevedeva una rapida farsa con scatti molto moderni, romana ma non « in costume » (in costume da bagno, semmai) intorno all’imperatore più emblematico della decadenza latina e del decadentismo europeo. Poi: usare questa pochade come struttura portante svergognata di una spaventosa trama ideologica oggi intensamente qui. Cioè: la De cadenza non è davvero una fase storica che va da un anno a un altro, bensì una dimensione costante dello spirito umano, fin troppo umano: il Decadentismo. Ovvero: quell’Irrazionalismo che (dopotutto) funziona come strumento di cono scenza capace di arrivare più in fondo. Già: il progresso scientifico sa sperperare tutte le risorse del l’Uomo e della Terra per costruire apparecchi sempre più oppressivi e repressivi. Però le sue deliranti manìe non lasciano spazio ad al cuna attenzione per la Terra dell’Infelicità, cioè l’animo umano.

In quanto alla « esecuzione », partivo dunque dai due estremi gran gesti del razionalismo occidentale: Ubu Roi, e Zarathustra. Ossia, tendevo a recuperare da un lato la straordinaria attrezzeria comica di quella linea Alfred Jarry-Ràymond Roussel-Charles Vitrac-Antonin Artaud, cosi «umbratile » e cosi geniale nei con fronti della secca appassita clarté di marca "Nouvelle Revue Française". D’altra parte, tentavo di raggiungere il calunniato Nietzsche attraverso le suggestioni «eretiche » della scuola di Adorno, e secondo le riletture spasmodiche eseguite dai « maestri occulti » francesi come Klossowski, Bataille e perfino Lacan.

Occorreva ovviamente dir di no a tutti gli aspetti dorati e sontuosi avvinghiati al decadentismo fin-de-siècle. Così ho lavorato su un irrazionalismo «funzionale» senza melagrane né lapislazzuli, secondo un proces so di riduzione sistematica. E allora: nessun gran viaggio dalla Siria a Roma con immensi corteggi (come Eliogabalo di Artaud), bensì un misero week-end a Ostia con poche lettighe e parecchi debiti. Mai cerimonie pubbliche: solo contrattempi privati. Pochissimi personaggi, e tutti minori. Niente scene-madri o capitoli « scritti bene », ma sketches sommari che ammiccano al « taglio » di Pa- lazzeschi, all’ironia di Malerba, o addirittura alle torte in faccia. Niente Trimalcione, né Salammbò: al massimo, pomodoro e mozzarella, e i materiali triviali dei mass media scadenti. E nes sun Tempio: al suo posto, un supermarket. Ma questo accumulo deliberatamente forsennato di tanti elementi depauperati e straniti, poi, tira a comunicare un certo « senso » di irrazionalismo contemporaneo: nemico del la Scienza (per legittima di fesa), e ostile alla Storia (un po’ per celia e un po’ per non morir)…

Cosa mi attendevo dai critici? Un’anatomia, un inventario! Ho poi avuto le recensioni più felici da par te dei coetanei, la rapida bonarietà dei più anziani, un paio di villanate da de- stra, nonché un confronto di poetiche opposte da parte di Carlo Bo. Su questo giornale Bo svolge infatti un impegnativo riscontro generazionale e generale: da un lato, la scelta, il rigore; dall’ altro, l’accumulo che diventa sper pero (e viceversa). In somma, Madame Bovary contro Bouvard et Pécuchet: ravvisando tuttavia nei copisti di Flaubert gli anti-eroi piuttosto dell’Informale frenetico, e non già dell’Enumerazione, del buon uso della Neo-Retorica. La più sottile analisi specifica della mia operazione viene invece eseguita da Renato Barilli sul Resto del Carlino. Ne indaga senso e funzioni e ideologia con profonda lucidità, individuando le ra gioni precise dell’uso sfac ciato dei materiali più cheap. Una linea « alla Barthes » affine ritrovo in Giuliano Gramigna sul Corriere d’informazione, con osservazioni finissime sul l’avventura del linguaggio nel racconto «che non imita» (se non se stesso), sul la pratica della derisione, sull’uso delle tecniche retoriche e stilistiche. Ah, se invece di riportare al Tristram Shandy la struttura « frantumata » del testo, avesse indicato addirittura Roma o Il Doge di Palaz zeschi!

Al « carissimo Aldo » si richiama volentieri la critica non nouvelle, riferendosi però all’antico « lasciatemi divertire! », e non già ai suoi giovanissimi romanzi recenti. Pietro Bianchi, sul Giorno, si rifà alla Sto ria romana e ad Artaud, e alla lunga sorride: « Si tratta, a guardar bene, di un divertimento non privo di serietà ». Paolo Milano, sul l’Espresso, si rifà ad Artaud e a Marinetti e al balletto, ma apprezza abbastanza l’uso dell’Enumerazione e della contaminazione ironica, Lorenzo Gigli, sulla Gazzetta del Popolo, segue per un po’ il coacervo frenetico, poi gentilmente si stufa, e dichiara la sua nostalgia per i miei vecchi racconti.

La maggior parte dei giudizi appare poi « controversiale », giacché il libro è provocatoriamente « scritto male », e « fa viaggiare » una trama ideologica fin troppo seria sopra un « veicolo » non di gravità ma di irrisione. Così Piero Dallamano, su Paese-Sera, connette il « Super » del titolo ai caroselli televisivi, ma « considerando il momento dei Caroselli tra i più istruttivi, simpatici e sugosi di quanti ne offra la televisione ». (Però io pensavo a Jarry: Il Super-Maschio). G. A. Cibotto loda sul Giornale d’Italia il divertimento di un pastiche « sostanzialmente riuscito », anche se eccessivo, mentre Michele Rago, sull’Unità, recensisce più che altro il caso del Manifesto. Parla infatti di «violenza dall’alto», di «potere delegato ad altri per fatalismo o viltà », di « fare i conti col sistema che si mira a condizionare », a proposito di « un’opera che vorrebbe acclimatare una problematica ancora troppo estranea alla cultura italiana e non bada a mezzi ». Per L’Osservatore Romano, invece, si tratta di « un li bro edificante per absurdum… dove raffinatezza e stupidità si danno la mano ».

Decisamente favorevoli mi suonano infine i giudizi di Enzo Siciliano (La Stampa), Mario Lunetta (Rinascita), Carlo della Corte (Il Gazzettino), Claudio Carabba (La Nazione). Parlano infatti di « veicolo per ri durre la storia all’indistinto naturale », « una specie di Rabelais dell’età dei consumi », di « pudore e vergogna per i luoghi comuni », di « eroe positivo del rifiuto e della strafot tenza ». Apertamente negativi si dichiarano invece Walter Pedullà (Avanti!) deluso da una prosa « molto diversa da quella ricca, complessa e spumeggiante che a tutti è toccato ammirare nel passato » ; e Giu seppe Bonura (Avvenire) depresso da un « puro intrattenimento che sposa a occhi chiusi l’ideologia del consumismo»; e Giancarlo Vigorelli (Il Dramma) indi gnato per « un tonfo di gravità quasi inimmaginabile ». A metà strada, Pasolini. Sul Tempo: «Bene, bene, anche se si tratta manifestamente di una sceneggiatura. Ma bene anche per questo ».

Risponderei, brevemente. Perché tante volgarità e banalità, nel mio libro? Perché Roma è sempre stata molto pecoreccia. E perché niente sesso, allora? Perché sarebbe sciocco agghindare gli straordinari rapporti di Elio Lampridio e di Dione Cassio. Dunque li ho tradotti, senza togliere aggettivi, né aggiungere avverbi, né spezzare coordinate. Del resto, gags e nomi e suppellettili, oltre che dal surrealismo e dagli storici, derivano direttamente dalle fonti: Plinio il Vecchio, Aulo Gellio, Apollonio Rodio, Ovidio, Claudiano, Pausania, l’Historia Augusta, l’Antologia Palatina, l’Apollonio di Tiana, gli Orfici, il Sublime. L’azione, la volevo visiva, quasi televisiva: ma immagini e sequenze derivano da uno scontro fra il classicismo decadente della pittura tedesca (Böcklin, Klinger, Feuerbach, Von Marées) con gli environments della pittura-scultura post-pop. Il falso montalismo delle canzonette è stato ricavato trascrivendo brani di Bachelard e di Lacan secondo la poetica dei Beatles.

(Segnalazione dell'amico B. Di Monaco)




La Frusta Letteraria - Rivista di critica culturale on line
Ritaglio stampa