La Frusta Letteraria - Rivista di critica culturale on line
Inserire ticket d'accesso
Gentile lettore per ottenere tutti i testi integrali di Pirandello sopra elencati,  clicca sul primo bottone qui in basso. Una volta proceduto, tramite carta di credito, al pagamento di  5,00 € otterrai subito e in automatico un codice d'accesso. Sarai instradato nuovamente su questa pagina e dopo aver inserito il codice ottenuto sul secondo banner potrai accedere alla pagina web criptata dove si possono  facilmente scaricare in vari formati (zip, txt, doc, PDF, RFT) tutti i testi sopra elencati.

Si rammenta che l'acquisto  dà diritto ad un solo accesso alla pagina web criptata.
Acquisto dei testi di Pirandello
Testi integrali di Luigi Pirandello disponibili

Così è se vi pare - Enrico IV - Giustino Roncella - Il fu Mattia Pascal -  Uno, nessuno e centomila -  Il giuoco delle parti- Il piacere dell'onestà - Il turno - In silenzio - La vita nuda - Lumìe di Sicilia - L'uomo dal fiore in bocca - L'uomo solo -Sei personaggi in cerca di autore - Tutti e tre - Scialle nero -
Loading
Cerca in questo Sito o nel web Servizio fornito da FreeFind

La Frusta! Cerca nel Web
Luigi Pirandello
Romanziere, novelliere, poeta e drammaturgo italiano (Agrigento, 1867 - Roma, 1936).

Autore di più di duecento novelle, di quattro raccolte di poesie, di sette romanzi e di due saggi, Pirandello ha segnato soprattutto la storia del teatro. Nelle sue commedie, in cui il realismo si mescola al fantastico, ha esplorato in modo brillantemente ossessivo la problematica dei ruoli sociali, dell’identità personale minacciata dallo sguardo degli altri, del  riflesso reciproco del reale e del teatro, penetrando nelle zone indefinite  dell’ inconscio, dell’utopia e del mito.

Romanzi e teatro
Nel 1867, anno in cui  Ibsen pubblica Peer Gynt, nasce Luigi Pirandello, il 28 giugno ad Agrigento (allora Girgenti). Dopo studi di lettere a Palermo, Roma e Bonn, si stabilisce a Roma nel 1893. Scrive L’esclusa, romanzo realista sul destino di una donna, accusata ingiustamente d’adulterio, che non riconquista uno status sociale se non paradossalmente  compiendo  l’atto di cui la si accusa. La prima delle sue numerose raccolte di novelle (Amori senza amore) è pubblicata nel 1894. Nel 1898, Pirandello fonda Ariel, dove appare  la sua prima pièce in un atto, L'epilogo (che diventerà La morsa). Dopo La ragione degli altri, ritorna al romanzo: ne Il fu Mattia Pascal (1903), un uomo si fa passare per morto, tenta un’altra vita, e finisce per ritornare nella sua famiglia; ne I vecchi e i giovani (1909), descrive il disagio delle generazioni in Sicilia gli anni  dopo l’Unità. I  suoi primi due drammi  (La morsa e Lumìe di Sicilia) sono rappresentati nel 1910, quando ha già alle spalle una carriera letteraria di circa venti anni, e, dal 1903, la certezza della pazzia della moglie, Antonietta (internata nel 1919, morirà nel 1959). Nel 1911, adatta per il teatro la sua novella Il dovere del medico (scritta a Roma nel 1913).
Nel 1915, Pirandello pubblica Si gira (ristampato nel 1925 sotto il titolo Serafino Gubbio, operatore), romanzo sul mondo nuovo del cinema e sulla decomposizione del reale sotto l’occhio della macchina fotografica. È con la rappresentazione de La ragione degli altri, a Milano, che comincia realmente la sua carriera di drammaturgo. Nel 1916, adatta in dialetto siciliano la sua novella Pensaci Giacomino!

Il successo
Le opere si susseguono allora regolarmente e guadagnano un successo sempre più crescente: Sei personaggi in cerca d’autore, dopo il suo fallimento a Roma, trionfa  a Milano nel 1921. Dopo un primo viaggio, nel 1923, a Parigi ed a New York, il Teatro dell’ arte di Roma, di cui Pirandello è il direttore, presenta Sagra del signore della nave in Germania, in Gran Bretagna ed in Francia. Diana e la Tuda è data a Zurigo nel 1926. Molte pièce importanti, negli anni successivi, saranno così date all’estero prima di essere rappresentate in Italia: Lazzaro  a Huddersfield (1929), Questa sera si recita a soggetto a Königsberg (1930), Quando si è qualcuno a Buenos Aires (1933), La favola del figlio cambiato in Germania (1934), Non si sa come a Praga (1934). Nel 1934, Pirandello, che ha aderito pubblicamente, nel 1924, al partito fascista, riceve il premio Nobel della letteratura.
Molte opere di Pirandello, lui  vivo, sono state adattate per il cinema: Ma  non è una cosa seria (1920), Il fu Mattia  Pascal (1925), Enrico IV (1926); dalla novella In silenzio è tratto l’adattamento cinematografico della prima pellicola sonora prodotta in Italia. La MGM porta sullo schermo Come tu mi vuoi nel 1930, con Greta Garbo. Mentre si  gira  a Roma un adattamento di Pensaci Giacomino!, e mentre il drammaturgo  è intento a scrivere i dialoghi di un nuovo adattamento cinematografico  del Fu Mattia Pascal, colpito da una polmonite, muore il 10 dicembre 1936.

L’individuo spezzato
Il teatro di Pirandello dal 1910 al 1936 ha seguito un’evoluzione che va da Labiche a Sartre ed a Beckett, dal vaudeville alla nuova drammaturgia. All’inizio, riprende la commedia borghese, che piega alle proprie necessità, allontanandosi  sempre più  sia dai temi sia dalle convenzioni
drammaturgiche imposte da quel genere. Opera  tipica in tal senso Così è se vi pare dove a tale riguardo, un uomo e la suocera si contraddicono circa l’identità della moglie, ciascuno avanzando  la propria verità. L’opera  è ad un tempo sia  l’esplorazione di una  psicosi sia la negazione dell’intreccio tipico del dramma borghese.  Ne Il piacere dell’onestà, un marito di comodo, preso dalla logica del suo ruolo, impone il rigore morale ad una famiglia che intendeva soltanto salvare le  apparenze. Nel Giuoco delle parti e Tutto per bene, due mariti traditi passano dal ridicolo  di cornuti da vaudeville al tragico: il primo, che ha sfidato a duello l’uomo che ha insultato sua moglie, invita l’amante di questa a farsi uccidere, in nome della coerenza dei ruoli; il secondo apprende molto tempo dopo la morte di sua moglie che questa lo ha tradito col suo benefattore e che tutti lo hanno creduto consenziente.
L’individuo, che appare dunque minacciato nella sua intimità ed  integrità, di volta in  volta contrasta o  sfrutta le convenzioni sociali per mettere gli altri di fronte alla loro contraddizione, da un lato, e per preservare la propria coerenza, dall’altro.

Identità e meccanica sociale
Pirandello riprende i temi ed i modi del teatro dialettale, che piega in direzione dell’esplorazione della meccanica sociale e delle sue conseguenze sulla vita dell’individuo. La Sicilia, con la sua società arretrata, il suo complesso d’isolamento, la sua difficoltà a sentirsi parte integrante di una nazione predominata dai continentali e dai settentrionali, appare come un luogo astratto, da cui l’autore fissa su l’uomo ed il mondo un lucido sguardo. Rivela la follia latente che sottende anche  situazioni banali e che finisce per investire tutta l’esistenza, costantemente minacciata di diventare troppo coerente, troppo vera per essere reale. Così, in Lumìe di Sicilia, la rabbia del musicista di paese siciliano contro la fidanzata diventata una cantante di successo rappresenta l’opposizione tra l’innocenza rurale e la corruzione urbana, ma è anche una riflessione sulla logica dei ruoli e la sua influenza sulla formazione dei caratteri.

Personaggi che spingono fino in fondo  il gioco che lo sguardo degli altri impone loro, sono messi in scena in Pensaci Giacomino! e ne La Patente: il vecchio professore sposa una giovane donna e incita l’amante di questa a continuare  il proprio ruolo; un uomo, considerato jettatore, esige una patente bella e buona di jettatore per negoziare il  proprio allontanamento. In Liolà - quasi una trasposizione della Mandragola di Machiavelli -, una giovane donna ricorre al servizio di Liolà per garantire una discendenza  al  vecchio marito e mantenere la propria posizione. Ogni protagonista è cosciente delle tensioni e conflitti - tra vecchiaia e giovinezza, ricchezza e sfruttamento, vitalità e potere - nei quali è implicato. La commedia di costume tende alla trattazione drammaturgica del ruolo  imposto all’individuo, che deve prendere coscienza della sua relatività nella trama delle relazioni sociali. Ogni ruolo sociale fissa per sempre l’individuo (persona) in un ruolo  fittizio (personaggio); talora l’individuo per essere intimamente se stesso aderisce consapevolmente alla sua forma sociale, che è proprio quella in cui si sente chiuso come in  una gabbia. Sembrerebbe che, paradossalmente, l’individuo raggiunga la propria verità e si senta vivere solo quando avverte tutto il peso della falsità dei rapporti impostigli dal vivere associato, della forma sociale in cui è chiuso come anche  di percepire il proprio vero volto solo quando ha coscienza piena della propria maschera.

Dalla fragilità alla follia
Le  prime pièce girano già attorno al problema della personalità, della sua coerenza, della sua continuità, della sua saldezza. Nella Ragione degli
altri, dove la moglie sterile si fa affidare  il figlio dell‘amante del marito per allevarlo come  fosse proprio, sembrerebbe presente solo la tematica del gioco e dello scambio di ruolo. Ma la questione dell’identità vi è già affrontata, come lo sarà ne L’innesto e ne L’altro figlio.
Altre due pièce trattano dell’individualità fragile. In Come prima, meglio di prima, un’adultera pentita è perdonata a condizione che si faccia passare per matrigna presso  sua figlia, che odia la nuova arrivata e che vive nel culto della madre  che le dicono essere morta. Ne La signora Morli uno e due, una donna precedentemente abbandonata e che si è rifatta una vita si trova presa ad un tratto tra un amante serio ed un marito instabile e donnaiolo.
In modo analogo, Vestire gli ignudi e Come tu mi vuoi mettono in scena donne che, nella menzogna e nella mitomania, tentano di fondare una vita autentica: si offrono all’amore di un uomo che  le offrirebbe verità e sincerità, ma  cedono all’interesse ed alla meschinità di una società chiusa su se stessa, e nella quale la verità è negata.
Enrico IV riprende e supera Tutto per bene: il protagonista, a seguito di un incidente cade in una follia dove è ristretto anche dai suoi parenti; avendo recuperato la ragione senza mostrarlo, riesce a vendicarsi, ma, per sfuggire alle conseguenze dei propri atti, non gli rimane che rifugiarsi definitivamente in una pazzia di cui non si saprà mai se è finzione o realtà.

Finzione scenica  e realtà
Il racconto del passato come ricostituzione magica, mitica, mitopoetica, caratterizza i grandi drammi del “teatro nel teatro” come Sei personaggi in cerca d’autore. La realtà ed il gioco drammatico si incastrano  in Ciascuno a suo modo: il pubblico di un dramma  teatrale  vi riconosce un recente fatto di cronaca,  gli interessati ne informano gli attori, e l’evento si riproduce allora al terzo grado. In Questa sera si recita a soggetto  gli attori  cacciano via il loro regista, improvvisano un terzo atto secondo la logica dei caratteri e delle situazioni  così intensamente che, mimando la morte dell’eroina, l’attrice sviene  operando così un ritorno della  finzione alla vita.
Il gioco di specchi tra la realtà e  la finzione riappare ne L’uomo dal fiore alla bocca, dove lo sguardo di un uomo, condannato dalla malattia, scompone la realtà dei gesti in atomi d’eternità; ne L’amica delle mogli, in cui degli uomini impongono alla moglie il modello dell’amica perfetta che non si sposa; e  in Trovarsi, dove un’attrice finisce per non saper  più distinguere la finzione dalla vita, e, si sospetta, finanche  capace, quando si abbandona all'amore, di ripetere nella vita le proprie finzioni di scena.

I “miti”
Nel corso dei suoi ultimi anni, Pirandello abborda temi filosofici, che sviluppa nei “miti”, preannunciati nel 1925 dallo Sagra del signore della nave, dove una festa d’autunno diventa un’allegoria dei disordini della vita.
Mito sociale, La nuova colonia, tratteggia il tentativo di alcuni paria di fondare una nuova società, nella quale si oppongono gli idealisti, i realistici e gli sciocchi, e dove l’ultima parola tocca alla fertile femminilità, portatrice di vita, solo valore certo. In Lazzaro, mito della morte e della religione, un uomo tenta di imporre la fede ai suoi parenti, prima di disconoscerla altrettanto fanaticamente mentre sua moglie, sacerdotessa  spontanea della vita e del lavoro, compie attorno a sé i semplici miracoli dell’amore proprio e degli altri. Mito dell’arte e del sogno, I giganti della montagna, un’opera incompiuta, mette in scena una banda di teneri sognatori con i quali un'attrice tenta di imporre ad un pubblico di rustici muratori la pièce di un autore morto di cui coltiva la memoria e l’amore.
I “miti”, al pari dei drammi che ad essi si riallacciano, come La favola del figlio cambiato, sono costruiti su opposizioni manichee: spontaneità contro calcolo, fede contro devozione formale, sogno ed evasione contro pragmatismo e meschinità, e, secondo una formula famosa che Pirandello stesso ha battezzato: “forma” contro “vita”.  In Diana e la Tuda, uno scultore si perde tra la modella e la statua che sta scolpendo; in Non si sa come, la rimozione di un momento di smarrimento dei sensi e  la costruzione nevrotica di un discorso di giustificazione della  propria innocenza, conduce l’eroe alla pazzia e alla morte.
Nell’individuo e nella società sono all’opera delle forze che l’uomo conosce appena e che non domina: finge di affrontarle nell’angoscia, nella malafede, nell’illusione, le quali  finiscono per schiacciarlo. Tale è il tragico della vita, ostinatamente  rappresentato nel teatro di Pirandello.

Il teatro nel teatro
L’opera di Pirandello, mettendo in gioco la problematica del funzionamento del teatro, è risolutamente critica verso quest’istituzione. Essa smonta implacabilmente i meccanismi che presiedono alla rappresentazione. In molti  drammi di Pirandello appaiono tutti i partecipanti di solito invisibili: l’autore, il regista ed i suoi assistenti, i macchinisti e gli spettatori. Pirandello ha dato diritto di cittadinanza a questi personaggi che appartengono sia all’infrastruttura, sia alla sovrastruttura economica dello spettacolo: ha mostrato tutto il teatro nel teatro.  L’autore, fisicamente assente ma onnipresente in Sei personaggi in cerca d’autore, ha una funzione più evidente  in Vestire gli ignudi, dove rovescia la visione della vita penosamente prospettata dalla mitomania distruttiva dell’eroina; il regista  appare in Questa sera si recita a soggetto, dove è proprio la sua assenza che garantisce il successo - deludente per gli attori - dello spettacolo.

L’attore dispiega in queste pièce “teatro nel teatro” tutti i registri della sua multiforme arte, che va innanzi tutto  dall’impossibilità di rappresentare e fare rivivere la vita (Sei personaggi in cerca d’autore) all’illusione pericolosa della finzione che tende a trasformarsi in vita (Questa sera si recita a soggetto).
Il pubblico, ridotto ad una proiezione grottesca e tardoromantica nei Giganti della montagna, è integrato come attore complementare in Ciascuno a suo modo. Esso a differenza che nel teatro di Brecht, non è chiamato da Pirandello a svolgere un ruolo specifico nel processo della comunicazione drammatica. L’immagine del pubblico è volontariamente tradizionale, addirittura   “reazionaria”: è un pubblico borghese, per non dire filisteo, che batte in ritirata  davanti al messaggio propostogli, sempre alla ricerca di chiavi che possano nutrire il suo gusto del pettegolezzo (Ciascuno a suo modo), disposto a  interpretare la rappresentazione  in modo volgarmente  “realistico”, facile all’esaltazione come al dileggio. È un pubblico conformista, verso cui Pirandello cerca di segnare qualche vendetta, perché è quel pubblico di cui subì gli umori e nei cui confronti si diverte a seminare confusione e a saggiare l’istinto di difesa.


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
© lafrusta Tutti i diritti riservati
Pagina a cura di Alfio Squillaci
Riproduzione vietata. Vietato il deep link.
Copia registrata in "corso particolare".
Autorizzato l'uso solo per scopi didattici o di studio personali.


Luigi Pirandello su InternetBookShop

Esempio 1
dal 1 settembre 2003
Luigi Pirandello in Rete:

1.Luigi Pirandello. - LIBERLIBER  Amplissima scelta dalle opere,  leggibili on line (html) oppure scaricabili nei formati .RFT e  txt. Ritratto. Elenco opere:Così è (se vi pare); Donna Mimma; Enrico IV;esclusa (L'); fu Mattia Pascal (Il);giara (La);giornata (Una);giuoco delle parti (Il);In silenzio; mosca (La); patente (La);piacere dell'onestà (Il);Sei personaggi in cerca d'autore;Suo marito; turno (Il) etc

2 .Luigi Pirandello. - "I vecchi e i giovani" - Saggio

3. Luigi Pirandello. - "Il fu Mattia Pascal" - Sinossi e commento.

4. Luigi Pirandello. - I due celebri discorsi su G.Verga

5. Luigi Pirandello. Pirandelloweb. Ottimo sito, tecnologicamente avanzato (flash), scorrevole, documentatissimo. La maggior parte delle opere di Pirandello in Rete. Bravi.

6. Luigi Pirandello. - Serafino Gubbio operatore - Lettura



Vedi anche: Antonio Gramsci recensore di Luigi Pirandello:

- Pensaci Giacomino
- Liolà
- Cosi è (se vi pare)
- Il piacere dell’onestà
- A’ berritta cu li ciancianeddi
- Il giuoco delle parti
- L’innesto
- La ragione degli altri
- Tutto per bene

Donne terrifiche e fragili maschi. La linea teatrale D'Annunzio-Pirandello, Roberto Alonge Ordina da iBS Italia

La critica ha lungamente negato qualsiasi punto di contatto fra D'Annunzio e Pirandello. Inserendosi in un recente filone d'indagine, il volume esplora le oscure zone di tangenza tra i due grandi scrittori e scopre numerosi aspetti comuni all'immaginario di entrambi, pullulante di fantasmi femminili. Donne forti a cui si contrappongono uomini spesso insicuri, psicologicamente fragili, colti in una loro disarmata solitudine nel passaggio epocale tra fine Ottocento e primo Novecento.

Il fu Mattia Pascal
Riassunto, analisi e commento

Mattia Pascal è il custode di una biblioteca dimenticata nel comune di Miragno, costretto a lavorare dopo una gioventù agiata; alla morte del padre,infatti ha perso tutti i beni di famiglia che vengono intascati da Malagna, l’amministratore che froda sua madre.  Mattia è costretto a sposare una donna che lo odia e ad ospitare in casa una suocera che lo disprezza, a patire la morte di sua figlia e sua madre, mentre suo figlio maschio gli viene tolto da Malagna.
Un giorno, dopo una lite con la suocera, Mattia si ritrova a MonteCarlo con 500 lire in tasca e grazie alla fortuna, ne vince al gioco ben 82.000. E' un uomo ricco.Mentre ritorna a casa, legge su un giornale la notizia della sua morte, o meglio della morte di uno che gli assomigliava e che la moglie e la suocera avevano riconosciuto com’essere lui, sbarazzandosene.
Ma ciò è proprio quello che Mattia vuole. Finalmente può ricrearsi una seconda vita con la fortuna che ha in tasca. Viaggia molto, ritrova la gioia che gli era stata negata quando era ancora ritenuto vivo. Durante questi viaggi, si rende conto di essere solo, ed ora vorrebbe dei legami con la società per non esserne escluso. Così decide di fermarsi a Roma per costruirsi una nuova vita.
Qui incontra il signor Paleari, che non fa altro che parlare di morte, ma intanto Mattia riscopre anche l’amore per una donna semplice e pura d’animo, Adriana. Tuttavia è ancora  costretto a fuggire di nuovo perché la sua condizione di "morto" non gli  consente il matrimonio con Adriana. Inscena allora un altro suicidio e fugge verso Miragno. Qui scopre che la moglie si è risposata con un compagno benestante, e nessuno riconosce Mattia finchè non rivela la sua identità. Si rende conto però che, rivelandosi, spezzerebbe una nuova famiglia a lui estranea.
È troppo tardi per riconquistare ciò che ha perduto, e non gli resta altro che contemplare la sua lapide, la lapide del Fu Mattia Pascal.

I Personaggi

Il personaggio principale è Mattia, e tutti gli altri vengono introdotti da una sua presentazione, che ci riporta le sue sensazioni ma non i caratteri fisici, che invece ci vengono rivelati dalle loro azioni, dalle loro decisioni e dalle loro parole nei discorsi. Tutti rimangono statici e di cornice, mentre Mattia subisce cambiamenti, crescendo per quanto riguarda il morale e le sue idee, ma perdendoci economicamente e socialmente.
Mattia Pascal è un uomo normale, che si sente oppresso dalla vita che lo mette a dura prova e desidera una via di fuga che gli permetta di tornare libero come da ragazzo.
Adriana è forse il vero amore di Mattia. Colpisce molto perché timida, pura, educata, riesce a mantenere un’intera famiglia e si oppone alle sue nozze forzate. Anche Mattia la chiama “la mammina di casa”. Non si riesce a trovarle un difetto. Lei rappresenta la vita.
Paleari è il personaggio più singolare, con i suoi discorsi insensati, spende ogni sua riflessione sulla morte. Formula teorie sul postmortem, cercando aiuto in finti fantasmi. Rimane sempre al di fuori dell’azione e non interferisce minimamente con essa. Risulta però essere uno dei personaggi più simpatici, e la sua ingenuità lo fa diventare buffo e ridicolo.

Malagna è una persona viscida, un ladro. È l’amministratore dei beni della famiglia Pascal, e riesce a rubare tutti i beni possibili (soldi, poderi, ecc..)
La vedova Pescatore è avida, aspra e molto attaccata ai beni terreni. È una persona piena di astio e di risentimento, che rinfaccia continuamente a Mattia di non essere in grado di mantenere la famiglia.

Il Narratore

La narrazione è condotta in prima persona secondo il punto di vista  di Mattia Pascal, con focalizzazione  interna, e tuttavia con la tecnica del narratore onnisciente. Ciò è possibile perché il personaggio non vive direttamente le sue avventure, ma attraverso un enorme flash-back, racconta il suo passato, come se fosse un diario-biografia. Così il narratore si può permettere di inserire nella narrazione delle anticipazioni a degli avvenimenti che avverranno dopo (Genette,uno strutturalista francese chiama le anticipazioni "analessi"). Essi sono dei satelliti anticipatori, preparano il lettore a ciò che lo aspetta,  vivacizzano la lettura stimolando la curiosità.

Lo Spazio e il Tempo

Lo spazio della vicenda è abbastanza ampio: la vicenda si svolge tra Miragno e Roma, ma durante i suoi viaggi visita anche MonteCarlo, Torino, Milano, Venezia, Firenze, Colonia, Worms e Magonza.
Questi luoghi non vengono però descritti da Pirandello, forse per lasciare al lettore libertà d’immaginazione. Il tempo è indeterminato, data la mancanza di date o di riferimenti storici; ma questo è fatto apposta, in modo che la vicenda sia più assoluta possibile, che diventa una lezione di vita in ogni tempo e in ogni luogo per ogni persona.


Concludendo

Il Fu Mattia Pascal è il romanzo di un impossibile  riscatto da una vita grigia, per un uomo nato due volte. Porta alle estreme conseguenze, con punte davvero paradossali, ma tipiche della "mezza filosofia" (Sciascia) di Pirandello,  il dissidio fra forma e vita. Inizialmente Mattia soffre la forma che lo vuole uomo infelice, racchiuso in una piccola e asfittica realtà. Ma ecco che liberatosi della forma, sembra aver raggiunto la sua vera vita, la sua vera identità: ciò che lui è solo per sé stesso, ciò che egli è per sè e non per gli altri, ciò che egli è e non ciò che appare. Ma si può essere veramente e intimamente se stessi, solo per sè, e non per gli altri? Sì, ma non si può vivere, tant'è vero che Mattia si sente solo e riprende a vivere, ossia ad assumere un'altra forma... E' possibile una vera identità se non quella che ci danno gli altri. E poi: qual è il nostro vero volto? La maschera che ci danno gli altri o la"maschera nuda" che è la nostra vera e intima essenza? Nel momento in cui come Mattia siamo pura vita non possiamo vivere, ma nel momento in cui ci accontentiamo di vivere secondo gli altri non siamo più noi stessi, e veniamo chiusi in una forma che ci soffoca. Sta tutto qui il paradosso (la mezza filosofia di Pirandello) e qui come in Uno, nessuno e centomila viene spinta alle sue estreme e più grottesche svolte romanzesche.

Scarica qui il testo integrale di Così è se vi pare.
In PDF
Pirandello: Così è se vi pare
Pirandello: Così è se vi pare