SOTTO IL NOSTRO VULCANO 
DIALOGHI in due Tempi.
(1° tempo)

Dialoganti

Onorevole  (Filippo Laganà) ...........Deputato al parlamento nazionale del partito  socialcristiano

Sig. ra Laganà ................................Sua moglie
 nata Lo Surdo

Pina (Laganà)..................................Sua figlia, attrice 

Walter (Facchini) ............................Ragazzo di Pina, redattore presso una casa editrice

Giuseppe (detto Puccio)
Scuderi............................................Assessore, tirapiedi dell'Onorevole. 

Elena (Scuderi)................................Sua moglie, insegnante di lettere 


P R I M O  T E M P O


1990. Una sera di mezza estate siciliana. Un terrazzo dai muretti bianchi orlati da una fila di mattoni rossi. Su questi, piante grasse in vasi d'argilla. Sulla sinistra, una vetrata che dà sull'appartamento. Al centro, un tavolo di ferro battuto, bianco, con sei sedie. A destra, un salottino anch' esso in bianco ferro battuto. Amache, cuscini. Tutte le suppellettili danno l'idea di un benessere consolidato benché di incerto gusto. Sullo sfondo la sagoma nera del vulcano e in alto a destra, le luci notturne della costa ionica, da Aci Trezza a Messina. In sottofondo, quasi colonna sonora, la TV sempre accesa(fuori campo, al di là delle vetrate se ne intravedono i bagliori), sintonizzata su una emittente "locale" che riversa notizie atroci. Ogni tanto il rombo di una motoretta, lacerante, straziante. I rumori e gli odori di una notte etnea. Ci si prepara ad una cena estiva. Entrano Walter e Pina. Entrambi sui trenta, piuttosto belli, eleganti e sobri. Lei indossa una gonna vaporosa e una camicetta molto semplice, fiorata. Lui dei pantaloni larghi e comodi, bianchi, e una camicia colorata a maniche lunghe arrotolate sugli avambracci. Nel frattempo la voce dello speaker TV: «E adesso passiamo al notiziario etneo. Ennesimo fatto di sangue a Catania ... In Via Petrella, quartiere Picanello, sono stati rinvenuti ieri notte i corpi senza vita di due uomini orribilmente crivellati da colpi d'arma da fuoco. Dalle indagini della polizia giudiziaria sono emersi i nomi delle vittime: si tratterrebbe di Ignazio Barraco di anni 37 lattoniere edile originario di S. Maria di Licodìa e di Giuseppe Lo Fonte di anni 25 stuccatore, entrambi pregiudicati. ... 

PINAEcco qui, ti piace? (Portandosi nei pressi del muretto). Lì è Aci Trezza dove abbiamo fatto i bagni stamattina, dall'altra parte è il porto di Catania, e laggiù in fondo l'Etna, la montagna come la chiamiamo qui ... Da quassù si vede tutta la città, non è un bel vedere, ma insomma, è sempre la mia città ... 

WALTER (dopo aver guardato intorno) Come dici nell'Antigone? O città, o città ... 

PINA(Recita il brano dell' Antigone cui allude Walter
O mia città
e voi signori ricchi ed influenti
di questa mia città, 
o voi fonti di Dirce
e tu bosco di Tebe, 
mi prendo almeno voi per testimoni 
ditelo almeno voi, ditelo a tutti 
come e per quali leggi, 
senza pianto d'amici
io vado a una dimora così strana
che è carcere e tomba. 
Infelice che sono
io né morta né viva, 
non c'è posto per me
nelle case dei vivi
né in quelle dei morti. 

e il corifeo aggiunge

Figlia, ti sei lanciata
agli estremi confini dell'audacia
e sei andata a cozzare
di schianto nei gradini 
dell'altissimo trono
dove siede la dea della Giustizia. 
Tu forse ti sei presa sulle spalle
qualche grave peccato di tuo padre. 

WALTER(estasiato, le va incontro e l'abbraccia) Brava, brava, sei stupenda! 

PINA(ancora in preda ai sublimi versi di Sofocle) Quegli ultimi versi, quel richiamo alla Giustizia e alle colpe del padre, li sento scritti per me. 

WALTER(con tono parodico-professorale, quasi a voler dissipare quella nebbiolina tragica che aleggia nell'aria all'evocazione del testo sofocleo e ai riferimenti alla propria condizione familiare che ne ha fatto Pina) Signorina, adesso la interrogo: Programma di terza liceo classico: mi dica signorina quale sarebbe secondo il suo avviso l'intimo nucleo tragico dell' Antigone

PINA(riprendendosi dall'aura tragica e assecondando volentieri il gioco) Certamente, non solo la ribellione alla legge di Creonte per ubbidire ad una legge morale non scritta. Io vi leggo anche un conflitto fra generazioni. I giovani Emone, Antigone e dopotutto anche Ismene, dicono chiaro e tondo all'adulto e potente Creonte: la tua legge non ci va, noi ti resistiamo, fino alla morte. Perché la tua legge è immorale. Ma non solo la tua legge. Anche il tuo potere è immorale. 

WALTERSe non ricordo male, negli anni '60, in piena Contestazione ci fu la Cavani che ne diede una interpretazione analoga. Il film dovrebbe intitolarsi I Cannibali, se non erro. 

PINAAh si? Non l'ho visto. Non vi facevo perciò riferimento. Io posso solo dirti che recitando in questi giorni Antigone, qui, in questa terra, in questa mia Sicilia, sento prepotentemente questo tema: la ribellione dei giovani, la mia ribellione. Questa terra è popolata da Creonti, ma ho visto pochi Antigoni. Eppure il paradosso che si svolge qui è più grande di quanto lo si immagini. Qui al contrario dell' Antigone sofoclea, la tragedia nascerebbe dal rispetto della semplice legge scritta, che c'è. Se solo un gruppo di magistrati e di forze coalizzate cominciasse a dire "per davvero", «Sta bene, adesso, applichiamo la legge», guarda non solo i mafiosi avrebbero a temerne, ma interi ceti sociali, perché qui tutto invece si regge sul rispetto di leggi non scritte che ogni siciliano conosce però molto bene nell'intimo ... 

WALTER(Abbracciandola) E' inevitabile! Tu credi che si possa parlare della Sicilia senza finire col parlare di Mafia? 

PINAPenso proprio di no. Sarebbe come andare a Mosca, in inverno, e non spendere nemmeno una parola sulla neve. Ma se badi bene saranno quelli che verranno da fuori che ne saranno ossessionati. Come chi nota subito i cammelli non appena arriva in Arabia, eppure nel Corano i cammelli non sono mai citati . Che bisogno c'era. Erano sottintesi. Ma alla lunga, i russi e gli arabi potrebbero indignarsi, e dire: «Questi stranieri, sempre a parlare di cammelli o di neve! »

WALTER(divertito) E diranno: (con  accento siciliano) La neve non esiste ah! I cammelli non esistono ah! (Ridono. Abbraccia con trasporto Pina) Senti, non appena finisci queste recite a Siracusa, ci diamo un taglio a tutte queste cose. Scappiamo subito. Qui il sole è di una ferocia indicibile. Ho paura che abbia leso organi nevralgici. Proviamo un po' a vedere se rispondono ai comandi. (Tenta un approccio. Nel mentre, lo speaker della TV: "E adesso passiamo al notiziario della provincia. Altro fatto di sangue a Paternò. I corpi senza vita di due uomini dall'apparente età di 30-40 anni sono stati rinvenuti orribilmente sfigurati dal fuoco nelle campagne attorno al grosso centro etneo. Le indagini condotte dal tenente Sgarlata ... ) 

PINAAh, ah, qui no ... 

WALTERPerché? 

PINASei matto?(imita una voce maschile con forte accento siciliano) "E una scarica di pallettoni s'abbatté sull'ignaro giovane milanese in cerca di emozioni estive sicule".(Riprende la sua voce) Ricordi il gioco? In Sicilia proviamo a ragionare, a Milano facciamo all'amore.(Gli dà un buffetto sulla guancia) Tentiamo di fare il contrario di quanto avviene nella realtà. Ragioniamo. Senti, senti ...(indica la TV : Speaker TV: " L'analisi autoptica compiuta sul corpo delle vittime del delitto di tre giorni fa, ha dato risultati sorprendenti. Si tratta infatti di proiettili calibro 38, un'arma inusuale per questo genere di delitti ...") Senti, senti? In tutte le edizioni di tutti i giorni è sempre così: indagini, autopsie, cadaveri da seppellire, un'Antigone permanente. E' tre giorni che sono qui e non faccio che vedere cadaveri inquadrati in primo piano, con rivoli di sangue e mosche ronzanti. Tutto dato quasi in diretta, con una cultura figurativa della morte da fare invidia alla civiltà egizia o a quella etrusca. Una civiltà di morti, di morti ammazzati . 

WALTER(L'abbraccia con maggior trasporto) Allora è meglio fare all'amore ... Senti, perché non ce la filiamo con una scusa e molliamo qui gli ottuagenari alla ritualistica-cena-in-una-splendida-sera-estiva ...(la bacia con foga

PINA(Lo allontana) No, dài, non posso andar via così. Verrà anche Elena, un'amica carissima quasi una sorella, e suo marito. E poi sono venuta qui anche per tentare un accordo con mio padre. 

WALTERFigghia mia! Figghia mia! Arrivasti col ferribotto! 

PINA(Gli dà uno strattone) Stupido! Sei rimasto alla commedia degli anni '60! 

WALTERPerché, è cambiato qualcosa? 

PINA(Improvvisamente seria) Circola molto più denaro adesso, e più sangue.(come trasognata) Mi fa quasi tenerezza quella Sicilia lì, sì quella di Germi di Sedotta e abbandonata, splendida, in bianco e nero, ancora innocente ... Rivedo con piacere anche il pancione sudato di Saro Urzì, debordante, trattenuto a malapena dalla cinghia e da una canottiera incolore.(cambiando tono) Adesso tutto è più colorato e ... più brutto . Ma lo sai che gli occhi più attenti sulla Sicilia sono stati quelli di continentali, come li chiamiamo noi: Rosi, napoletano, Damiani, milanese, e Germi che era di ... era di Genova? 

WALTERBo' 

PINAChe importa dove si è nati, quando si è geni? Ah Germi, lo amo alla follia! 

WALTER(Critico) Sembra che solo chi si sia occupato di voi acquisti una speciale considerazione ai vostri occhi. 

PINAMa cosa dici, Germi è grande per conto suo. 

WALTERSenti, hai detto che qui dobbiamo ragionare? Facciamolo. Ebbene a furia di osservarvi, di esaminarvi, avete acquistato una concezione "letteraria" di voi stessi, gratificante quanto falsa. E invece penso che ci vorrebbe un occhio asciutto, da antropologo o da etnologo ... 

PINA(Ironica) Sentilo lui ... 

WALTERDimentichi che ho fatto studi universitari e che ho una certa dimestichezza con i discorsi elevati. Ebbene, siccome la stessa letteratura riguarda anche Napoli dichiaro questo fenomeno "eduardismo" ma è valido anche per la Sicilia. Che cos'è l'"eduardismo"? E' un tentativo forse nobile, senz'altro inconsapevole, di estrarre dosi massicce di letteratura dalla realtà. Ma alla lunga tutto ciò si manifesta come una forma di parassitismo, di saprofitismo degli artisti sulla realtà stessa, proprio come il fungo ai piedi del tronco. I poeti si giovano delle sciagure e trovano di che cantare ma i problemi si aggrovigliano all'infinito ... mentre a Napoli, in Sicilia, e in America latina i poeti cantano, cantano ...(freddo) Pensaci, gli artisti diventano come i dentisti, i quali benché facciano le campagne di prevenzione mai si augurerebbero la sconfitta totale della carie ... 

PINARabbiosa) Ma tu sei matto! Te la prendi con Eduardo adesso? Ma cosa dovrebbero fare gli artisti oltre che ritrarre ciò che vedono, dirigere il traffico perché la circolazione è un casino? Regolare, modificare la realtà è compito dei politici, degli amministratori, non degli artisti. 

WALTER(Sorpreso dalla reazione) Forse hai ragione tu. (subdolo) Del resto chi meglio di te, figlia di un politico, può dire queste cose ... Ma volevo solo dirti che a me e chissà a quanti altri è venuta a nausea questa nenia infinita sulla "specificità", sulla "peculiarità" sulle "caratteristiche" di una popolazione, di una terra. Diventa alla fine una forma di folklore, nobile quanto vuoi, un folklore delle zone alte dello spirito, ma folklore: una specie di tammurriata infinita insopportabile. Soffrire non si può all'infinito, figurati ascoltare le sofferenze. 

PINA(alterata) Già tu parli così perché sei pigro e non vuoi studiare i problemi e poi perché non sei nato in un posto dove nascerci, da solo, costituisce un problema. La fai facile perché nascere a Lodi è stato un privilegio per te dopotutto. 

WALTERMa va! ? 

PINAChe problemi ha uno nato a Lodi? 

WALTERStai scherzando? . 

PINAFossi nato, che so, non dico a Catania, ma a Dublino o in una famiglia ebraica o con la pelle nera, vorrei vedere se non ti saresti interrogato all'infinito sulla tua irlandesità o ebraicità o negritudine. 

WALTER(debolmente) Ma che c'entra questo discorso ... 

PINA(abbandonandosi allo sfogo) Voglio dirti che nascere in condizioni date può essere una condanna o una elezione, o le due cose assieme. Per me nascere qui ha significato nascere in un punto morto della storia, irresolubile. Sto tentando di dirti che la questione siciliana è una ferita aperta della storia come quella irlandese o quella ebraica. Andremo avanti così per chissà quanto tempo. Da qui all'eternità! 

WALTERLo vedi che fai letteratura? 

PINASì per diana! La stessa letteratura, se mi permetti, che Joyce faceva su Dublino o Woody Allen sull'ebraismo. Essere siciliani è la stessissima cosa: un rompicapo senza fine(accortasi di aver urlato) Scusami, non volevo. 

WALTER(Allentando la tensione) Se dovessi scegliere tra i due sceglierei Woody Allen. Si ride con intelligenza. Ah perché non sono un intellettuale nuiorchese? 

PINA (distesa) Si, ridiamo. Vuoi una battuta? Ma non la fare circolare troppo. Ci scredita. 

WALTERSentiamo

PINASai perché ci chiamano il "Mezzogiorno"? 

WALTERNo, perché? 

PINAPerché da noi è sempre Mezzogiorno, nel senso che passiamo tutto il tempo a tavola. Vedrai questa sera: prepara il tuo stomaco ambrosiano alle libagioni sicule. Ci sarà un momento in cui non saprai se dire "ancora, ancora", oppure "basta, basta". 

WALTER(Respirando) Uh, cos'è quest'odore? Una zaffata, senti ... 

PINA(s'allontana verso il margine destro della scena, laddove dal muretto si scorgono le luci della costa. Respira a pieni polmoni l'aria fresca della sera) Caro, lo senti anche tu! E' da quando sono entrata qui che me ne sento stordita. E' il fiordarancio. Ma ha un odore troppo forte come tutte le fragranze vegetali di quaggiù, il gelsomino d'Arabia, la ginestra ... senti? Se lo respiri intensamente alla fine avverti, dopo la pienezza del profumo, come un sentore di guasto, simile a quello dei fiori nelle cappelle dei cimiteri. Avverti che qui la natura ha raggiunto il suo acme e inizia perciò un lento processo di corruzione, un degrado della materia molecolare stessa incapace di mantenere più di tanto la perfezione delle forme. Sembra, se è vero che la Sicilia è stata creata in un momento di delirio della creazione, che gli effetti di quell'iniziale delirio si mostrino nelle sue manifestazioni ultime ... Ma questo paesaggio, questi odori, questi colori, alla fine disturbano, non so come (mi sfuggono ancora i reali meccanismi) determinano, in zone oscure dell'anima, ansie e angosce da non dirsi. C'è un'angoscia mediterranea, solare, che pochi hanno sondato. Altro che gioia alla Von Gloden. Non esiste. È tutta un'invenzione dei tedeschi in fuga dai loro caliginosi tormenti. C'è invece una angoscia mediterranea cui la luce feroce del Sud aggiunge un supplemento di tortura ... In questo momento penso alla triste follia del Cavaliere della Mancha, alla solare disperazione dello Straniero, alle torture mentali di Pirandello, all'ultimo Brancati, alle tragedie dei greci. 

WALTER(Che l'ha ascoltata rapito. Battendo le mani) Bene, brava. Signore e signori abbiamo ascoltato il monologo della tragedia Angoscia del Sud Atto IIIº scena IIIª ... Sei attrice anche fuori dal palcoscenico! Finirai come Valentina Cortese, ti aggirerari con un foulard in testa annodato alla pirata, dicendo "Caro caro! " agli sconosciuti e crederai di essere a teatro quando sarai nella vita e nella vita quando sarai a teatro. 

PINAE' una fine che vorrei meritarmi e a cui ardentemente aspiro. Più modestamente sono come i minatori che si portano ovunque vadano un po' di carbone attaccato addosso (Si gira verso il fondo della scena) Vedi quelle sagome nere sul mare, vicino a quelle lampàre? Sono i faraglioni di AciTrezza. Laggiù s'è svolta la tragedia dei Malavoglia E' una storia che riguarda anche te e il tuo concittadino don Lisander, che ci spiega tanto bene la diversità di concezione del mondo che abbiamo. Se Manzoni nel suo romanzo fa assistere Renzo e Lucia dall'occhio benevolo e ottimistico della Provvidenza, il nostro scrittore al contrario, e forse con intenzione beffarda, fa iniziare tutti i guai di quei poveri disgraziati dal naufragio di una barca che ha proprio il nome di Provvidenza ... la tragedia dei Malavoglia inizia dal lieto fine dei Promessi Sposi

WALTERNon t'avessi mai interrogata, adesso cosa fai, ripassi il programma di terza liceo? 

PINASi, lasciami dire ... Verga, e chissà quanti di noi, credeva fermamente che la Storia non solo quella con la S maiuscola ma anche quella che più miseramente riguarda tutti noi, non sia assistita da benevole divinità. Come i tragici greci noi crediamo che tutto avvenga per fatale necessità (ex ananchàia tyche diceva il mio professore di greco). Tutto avviene per un destino già scritto che fatalmente si compie non appena tentiamo di modificarlo o di sottrarcene. 

WALTER   Tutto ciò, detto in termini terra-terra si chiama anche fatalismo ... 

PINASì, e il fatalismo è a ben vedere una Provvidenza, sebbene una Provvidenza del male, del negativo; ma è anche una forza perché ti dà una comprensione superiore delle cose, scevra d'illusioni. 

WALTER- Ma diventa una forza frenante per l'azione. Scusami la franchezza ma tutta questa letteratura mi dà fastidio. Credo che dovreste studiare meno greco e più ingegneria. 

PINACos'è questa idolatria della tecnica, la sindrome del Politecnico? Hai studiato Lettere anche tu! 

WALTER- Ma non parlo né per me né per te. E' una questione generale di pedagogia di massa, di programmazione degli studi. Siete tutti laureati in archeologia classica o in filologia romanza, ma sfortunatamente per voi il mondo non è né un enorme teatro greco né un poema cavalleresco. Meno esametri giambici e più klinker e microprocessori! 

PINACome sei cattivo! 

WALTERSemplicemente pragmatico, ambrosianamente pragmatico. Diffido istintivamente di coloro che hanno sviluppato un rapporto professionale con la parola: i penalisti, i poeti ... 

PINAAnche di me? Vivo anch'io di parole, sono un'attrice. 

WALTERTe, ti amo, pragmaticamente (le palpa un seno

PINA(lo allontana bruscamete) Il pragmatismo non è che un appiattimento della mente sui fatti, alla lunga diventa una specie di estetismo della forza, sì una glorificazione del fatto compiuto. È un vostro errore, come è forse un nostro il fatalismo. 

WALTERIsmi, ismi, ismi, abbasso gli ismi, tutti! Non è con gli ismi che si progettano ponti, costruiscono grattacieli, dirigono fabbriche, si edifica e sostiene la civiltà in cui nolenti o volenti tutti viviamo e in cui voi vi ostinate a non volere entrare ... Su, su, sorridi, non fare quel broncio. Mi viene di pensare adesso ... a Milano non hai mai fatto di questi discorsi, la tua sicilianità sembrava come ibernata. 

PINAE' colpa di questo mare, di questo cielo, mi scioglie sentimenti sopiti. Ascolta Walter, io sono del tutto d'accordo con te su queste cose, capisco che qui cincischiamo un po' troppo col passato. Ti dirò di più: voi nordici mi siete particolarmente simpatici, siete, come dire, meno "metaforici" di noi. Se dite di avere mal di testa, avete veramente mal di testa e non, come noi, che non volete incontrare qualcuno ... Ecco, c'è tutta la mia razionalità che va con te, ma poi mi accorgo che tutta la mia sensibilità resta qui ... Credimi, questo mi crea sofferenze indicibili ... 

WALTER(Curioso e superiore) Ma la ami poi così tanto questa Sicilia? 

PINA(Tragica, a occhi chiusi ) Si, a morsi e a baci. Ma un tempo l'ho amata incondizionatamente. Di essa amavo tutto, i campi di sulla in primavera, il "tiraciato", il ramarro, che fa capolino tra le pale di ficodindia, finanche il sasso che scappato di piede ad un passante, rotola per una scalinata deserta, balla davanti ad una porta chiusa e s'arresta in un prato, spegnendo d'improvviso il frinire di una cicala. Adesso ne sono tanto distante quanto occorre per giudicarla e tanto nostalgica quanto occorre per capirla. Si, la amo ancora, ma negli ultimi tempi mi sono accorta di amarla dello stesso amore che una figlia può mostrare verso dei genitori alcolizzati: sono i miei genitori, ma bevono, disperatamente bevono. 

WALTER(ironico) E vorresti vivere qui, in mezzo... all'alcool ? 

PINA(amara) Mai sia ! Io ho verso la Sicilia lo stesso sentimento che hanno gli ebrei di New York verso lo stato di Israele: lo considerano la propria patria ideale, ma non ci andrebbero a vivere mai. La Sicilia per me è diventata questo: una riserva mentale, un luogo dove rifugiarmi con la mente. 

WALTERBene, questo mette le cose in chiaro: sei incasinata da matti. 

PINA(melodrammatica) Walter, aiutami ti prego. 

WALTERA far che? 

PINAA liberarmi della mia sicilianità. 

WALTERSemplice, fai come tutti, come che so i bergamaschi, i bresciani, considerala un mero accidente anagrafico, uno stato civile o che ne so, come essere mancini, o coi capelli neri o che so ancora amare la cioccolata e detestare la maionese, un mero accidente della personalità. 

PINA(Staccandosi) Non posso, non posso. Essere siciliana è una cosa che mi impegna nell'intimo. Qui ho tutti i miei affetti e non posso tradirli, non posso rinnegarli ... 

WALTEREccola la parola che non volevo sentirti dire. Rinnegare. Non è mica una fede religiosa la sicilianità. Ti puoi sentire siciliana e prendere il tram, guardare la tv, fare il bagno, leggere un libro, senza per questo sentirti impegnata da chissà quale etica. 

PINA(Con tono partecipe) Non vorrei sentirmi complice, ma nemmeno estranea al dramma che qui si sta svolgendo. Stanno succedendo cose terribili, tutto un intero popolo sta andando in malora. E io me ne sto lontana da qui, a recitare ... 

WALTER(Allargando le braccia) Ah signùr signùr! Tragedia greca permanente! Esci dal copione ragazza! (La TV che in sotto fondo ha riversato continuamente notizie atroci di omicidi, processi, indagini etc passa al notiziario politico: Voce Speaker: «Crisi comunale. Si tenta una faticosa mediazione al comune di Catania per la crisi che vede paralizzata l'attività politica ed amministrativa da ormai più di 90 giorni nel capoluogo etneo. L'On. Laganà cui nei giorni scorsi è stato affidato dai vertici romani il compito di mediare tra le diverse anime del suo partito, questa sera ha incontrato il sindaco dimissionario, poi ha avuto un breve incontro col capogruppo del partito cristiano-sociale, poi ha visto i liberali-sociali etc ...» 

WALTERParlano di tuo padre! 

PINASi (ironica ) Il grande Timoniere! Il mediatore fra le varie anime. Ma quali anime! Qui l'unica mediazione possibile è fra più mandibole, più stomaci, più intestini ... 

WALTERHo capito tutto, detesti il caro paparino

PINAIl padre no, come si fa ... ma l'Amministratore Pubblico oh quello si ... Ma è meglio non prendere questo discorso, mi avvelenerei il sangue, direi delle cose spiacevolissime ... 

Si sentono dei rumori provenire dall'interno, una porta chiudersi, delle voci femminili. 

ELENAPina, dove sei Pinuccia? 

PINASiamo qui nel terrazzo ( A Walter) È Elena, la mia migliore amica, una sorella. 

ELENA(Appare. Donna dalla bellezza rionale, mora, elegante. Esempio vivente della signora catanese ben maritata. Modernità nel sembiante antico di siciliana dalla complessione da "pupetta", mignonette e ginoide. Accento leggermente siciliano) Dove sei disgraziata ah! 

PINA(Contenta e impaziente di buttarsi nelle braccia dell'amica) Qui, qui ... 

ELENA(allargando le braccia) Oh eccoti! (Le donne dopo essersi guardate teatralmente fanno dei passi in avanti e si abbracciano. Si baciano sulle guance, sonoramente, alla siciliana, con molta soddisfazione) Fatti un po' vedere, continentala. Ah roba di Montenapoleone? 

PINAMa che dici, Rinascente, Rinascente! Faccio l'attrice mica la "bottana industriale" (riecheggia una battuta wertmülleriana). Aspetta ti presento Walter. Elena Scuderi, mia compagna di scuola, Walter Facchini mio compagno di vita ... 

ELENAPiacere di conoscerti Walter, veramente fortunata, anche se il fortunato sei tu con questa qui

WALTER(Le stringe la mano sorridendo

Appare anche la madre di Pina, la signora Mimma Lo Surdo in Laganà. E' di statura media, i capelli ripiegati in una messa in piega un po' fuori stagione, un filo di perle, trucco pesante, sulle guance, sulle labbra, tacchi a spillo e un'aria da signora-bene ancora in breccia. Porta dei pacchettini. 

PINA  (A Walter ) E mentre che ci siamo, ti presento anche la mamma. Walter, la Signora Laganà. 

Sig.ra LAGANA'(Sbrigativa, gli stringe la mano. Alla figlia) E questo sarebbe il Walter II°? (Ponendo i pacchi sul tavolo) Aspettiamo il Walter III° allora. (A Elena) La nostra Pina ha un debole per le dinastie. 

PINA(sospirando) Mamma! 

Sig.ra LAGANA'(Con aria risoluta, riordinando i pacchi) Poche storie figlia mia. " 'A figghia non maritata o fa 'a monaca o fa 'a criata"... E tu non sarai nessuna delle due, ringraziando dio! 

ELENA(A Walter, facendo da interprete) "La figlia non sposata o fa la monaca o la serva". Allusione al fatto che la zitella o finisce in casa dei parenti e farà la serva di casa, o si farà monaca. Sicilia profonda! 

Sig.ra LAGANA'Scartando un pacco) Oh non lo dico per lei, Walter. Lei può fare quello che crede. Lei è il terzo che conosco, sa? L'ultimo si chiamava proprio Walter, come lei. (Inseguendo un pensiero ) C'è ancora nei paraggi di Milano un paesino chiamato Morimondo? 

WALTEROh come no! Conserva una bella abbazia. E' ferrata in geografia, vedo. 

Sig.ra LAGANA'Lasci perdere, con l'attività di mio marito ho girato tutta l'Italia. Non ci sono mai stata in questo paese, l'ho visto in una segnaletica, una notte di nebbia che c'eravamo persi nei dintorni di Milano. S'immagini, quel buio pesto, noi che scendiamo in mezzo a quella nebbia che sembriamo anime del purgatorio e leggiamo 'sto cartello: Morimondo. I brividi mi vengono ancora a pensarci. M'è rimasto impresso quel nome. Ma così finiremo: matrimoni zero, figlio meno di zero, muoriamo tutti e muore il mondo.(Scartando un involucro) Hai quasi trent'anni figlia mia, ricordatelo, e sei ancora in mezzo ad una strada. E lei Walter, quant'anni ha. 

WALTERSono coetaneo di Pina. 

Sig.ra LAGANA'Oh ecco, i bei gamberoni. Ma sono una meraviglia, guardate! Ho dovuto comprarli al momento perché l'onorevole ha per il pesce che ha superato le venti quattr'ore lo stesso interesse che si può avere per il quotidiano del giorno prima. Che magnificenza, guardate che colori, sentite che profumo! 

WALTER(dopo aver ammirato i gamberoni) Ma le pescherie sono aperte a quest'ora?( guarda l'orologio) Sono le nove! 

ELENASono aperte anche tutta la notte ... qui è un mercato permanente. 

WALTER(pignolo) Tutta la notte? ! 

ELENASi, ventiquattr'ore su ventiquattro, come il pronto soccorso. 

WALTERneutro) Regolamenti molto elastici. 

ELENAMa no, solo disoccupazione e clientelismo. 

PINA(prendendo l'amica per un braccio. Sottovoce) Non infierire, già poco fa io gli ho fatto un breve trattato sulla sicilianità. È un osso duro. Sarebbe capace di interrogarti sui regolamenti comunali e la cosa diventerebbe imbarazzante per tutti. 

ELENA(ironica) Capirà, viene dopotutto da Milano che non è una città svizzera. 

WALTERVoi due, cosa state confabulando ? 

PINAParlavamo di città, un argomento da conversazione ferroviaria, si finisce sempre col dire ovvietà. 

SIGN. RA LAGANA'Pina, avrei bisogno d'aiuto per pulire questi gamberoni. Oggi è il giorno libero di Jasmine e ci dobbiamo arrangiare. Non abbiamo molto tempo, che ore sono. 

WALTERLe nove

SIGN. RA LAGANA'svampita) Ah già le nove.( a Pina) Ecco tuo padre non sarà qui prima delle dieci, dieci e mezza, non ci resta molto. Fortuna che il resto è tutto pronto. Walter ha già mangiato rigatoni alla norma? 

WALTERNon saprei, ho già mangiato dei piatti siciliani, ma questi rigatoni non li ricordo. 

PINAMa si che li hai mangiati, ricordi da zi Peppino a Liscate? 

WALTERAh già, rigatoni al sugo con le melanzane fritte, no? 

SIGN.RA LAGANA'Certamente, ma qui li mangerà nella versione originale: pomodori freschi, melanzane della piana e ricotta salata di Grammichele. Niente imitazioni maldestre, l'ho vista, sa, la nostra frutta martorana come viene fatta in quel negozietto di via Torino a Milano ... 

PINANon gli toccate la cucina siciliana, per carità! 

SIGN. RA LAGANA'Poco spirito, fai finta di non ricordare come mangiavi certi piatti i primi tempi che tornavi da Milano. Vieni piuttosto ad aiutarmi. 
(Pina e la madre raccolgono i pacchetti ed escono verso l'appartamento. Elena osserva con molta discrezione Walter, poi va verso l'amaca, vi si adagia mentre Walter sembra un po' impacciato

ELENAEh si! siete proprio un'altra razza! 

WALTERPrego! 

ELENADolicocefalo biondo, longilineo longobardo! 

WALTER(Dandosi uno sguardo ricognitivo) Dici a me? Eh no! Niente razza, solo omogeneizzati degli anni '60. Linea mucillagine assortita della Gerber & Gerber . Iperalimentazione da boom economico, tutto qui. Fra la mia gente alcuni portano ancora nel gene i segni della pellagra e della denutrizione. La mia generazione si è solo data un colpo di reni. 

ELENASei di Milano-Milano? 

WALTERNativo di Lodi, ma sempre vissuto a Milano, Giambellino. 

ELENAAh il quartiere del Cerutti Gino della canzone di Gaber! O Jannacci? 

WALTERUno dei due. 

ELENAA proposito di longobardi, lo sai che qui in Sicilia abbiamo una zona, la Val Démone, dove si parla un dialetto dai linguisti assimilato all'isoglossa lombarda? Vengono dai Heidelberg a studiarlo, col registratore

WALTER(sedendosi) Ah sì ? Ti interessi di glottologia? 

ELENANon solo, faccio l'insegnante, insegno materie letterarie in una scuola superiore, ma ho avuto sempre curiosità nel settore. E tu cosa fai a Milano? 

WALTERLavoro in una casa editrice. 

ELENAAh interessante ... 

WALTERMa no ... ne ho piene le tasche! Avrei voluto curare un settore di libri seri, ma praticamente non faccio che editare libri di cucina, giardinaggio, funghi: l'Arte dell'Orto ...(sbuffa) Tirano più dei libri di linguistica, è cosi! È andata meglio alla Pina che dagli studi classici è passata alla tragedia greca. 

ELENAEh ma non sai quello che ha passato L'onorevole non ne voleva sapere proprio. Giurisprudenza o morte! Io gli ero molto vicina in quel periodo. Pina è una ragazza splendida, ha voluto in un primo tempo fare entrambe le cose: Codici e Scuola di recitazione allo Stabile, ma alla fine ha imposto alla famiglia la sua scelta per la recitazione, e in questa casa sono stati giorni tremendi. L'onorevole urlava come un pesciaiolo di pescheria ...(pausa) L'hai vista la pescheria? 

WALTERQuella nella piazza dell'elefante? 

ELENASi. Che te ne pare del "colore locale"? 

WALTER(centellinando le parole) Simpatico ... Molta vita ... molta vitalità ... quelli che gridano "vivo vivo è" col doppio senso, quelli che urlano come in un quadro di Guttuso ... si il Sud da dépliant insomma ... nessuna sorpresa. Le stesse scene si vedono in Spagna, in Grecia ...(un po' perplesso) ... in Marocco ... 

ELENA(alzandosi, nevroticamente) Io lo detesto! Li detesto tutti! Il popolo, la borghesia, i rari intellettuali, tutti ... non fanno che recitare, recitare sé stessi, e sono orgogliosi di questo modo di fare e dovresti vedere come si compiacciono della loro gestualità, sembrano tutti su un palcoscenico ... ah che schifo! Che schifo! (Notando che Walter la guarda con curiosità) Ti stupisco? 

WALTERNo, per nulla, cerco solo di capire se ci sia una via di mezzo tra l'esaltazione e lo schifo, in questa benedetta Sicilia. E se per caso non ci sia recitazione anche in questa indignazione ... 

ELENAC'è schifo, schifo, solo schifo! (Concitata) Senti, io qui mi sono fatta due esaurimenti nervosi. Chiunque viva qui o è un complice o una vittima di questa società assurda. Tertium non datur. E il bello è che le vittime spesso e volentieri danno una mano ai loro carnefici. Quindi sono tutti complici, gli stanno bene le cose come stanno. La verità è che dovremmo scappare tutti, tutti quelli che veniamo colti dal primo dubbio, oppure ribellarci e andare incontro ad una sicura morte, e invece no, la pigrizia, la pigrizia meridionale ... e scatta la trappola, sei presa, catturata ... e alla fine potresti vedere la gente morirti accanto e non battere ciglio ... Ti stupisco? 

WALTERBe' veramente ... 

ELENA(Sempre più pazza) Ti dirò di più, non ti lasciare incantare dalle belle parole, dai sorrisi gentili, dalle cortesie. Recitano! Recitano tutti! Soprattutto col forestiero. Sono falsi e cerimoniosi. E sai perché? (senza attendere la risposta) Perché hanno molto da nascondere. Chiunque qui occupi un posto di riguardo in società ha qualche cosa da nascondere. Ascolta, ieri ho letto sul giornale che in occasione della trasferta della Scala a Mosca la sala del Bolscioj era affollata da gente che avrebbe avuto difficoltà a confessare come era entrata in possesso del biglietto d'entrata ... Così è in Sicilia, qui, nessuno della nomenklatura come del popolo minuto, ti dirà mai come ha avuto il biglietto per entrare in società ... In banca, a scuola, nelle poche fabbriche, in negozio, in ufficio, dappertutto! Ti stupisco? 

WALTERE' curioso, anche la Pina ha paragonato la Sicilia alla Russia. Però nel tuo discorso del biglietto non è chiaro se alludi ad un inquinamento criminale della società o ad una, diciamo così, gigantesca distorsione della mobilità sociale ... 

ELENADi più, di più (solenne e misteriosa) Alludo a tutto! Qui il crimine è andato al potere ed il potere è diventato criminale ... Senti, qui essere solo onesti è un atto di militanza politica, etica, civile, religiosa a volte, perché ha il valore di una testimonianza che porta al martirio. Devi difendere la semplice tua onestà come una vergine in un bordello, e gli attacchi arrivano da ogni dove. Vai in una riunione conviviale della buona società, non sai mai se vicino a te s'è seduto un galantuomo o un criminale! Non è una società impazzita questa? 

WALTERGuarda, non vorrei raffreddare questa tua furia demolitrice, ma un po' dappertutto conquistare delle posizioni sociali ragguardevoli richiede grossi sforzi quando non mascalzonate ... e anche altrove l'onestà è minacciata quotidianamente. 

ELENAAh dici? E allora vuol dire che abbiamo esportato i nostri modi, vuol dire che l'Italia s'è sicilianizzata vuol dire che "siciliani" si diventa e non si nasce ... 

WALTER(Facendo un gesto circolare) Come tutti i salmi finiscono in gloria, così tutto finisce in Sicilia! 

Entra la Sig. ra Laganà

Sig.ra LAGANA'(parlando tra sé e sé, come cercando qualcosa) Eppure dovrebbe essere qui. Oh guarda, quando va via la servitù non si ragiona più in questa casa ... 

ELENACosa cerca Signora? 

Sig.ra LAGANA'Il barbecue ... il grill ... u fuculari. Ah eccolo lì, adesso cerchiamo il carbone, oddio bisognerà rivoltare la cucina adesso...

ELENANon si preoccupi signora, dò io una mano a Pina a cercarlo, così scambiamo anche quattro chiacchiere. 

Sig.ra LAGANA'Oh si brava, io mi siedo un attimo ... dio quant'è difficile fare certe cose in cui non si ha abitudini ... 

ELENA(A Walter) Ci vediamo fra un po', bye, bye! 

Sig.ra LAGANA'(Rilassandosi, seguendo con lo sguardo Elena che si allontana) Oh, brava ragazza Elena! ... pensi la conosco da quando giocava a "sciancatello" con mia figlia ... Ah già, lei non conosce 'u sciancateddu', si quel gioco che si fa saltellando con un piede su dei quadrati disegnati con gesso per terra ... si gioca da voi? 

WALTERUna volta. Adesso credo non più, ma da bambino vi ho trascorso interi pomeriggi con quel gioco. Si chiama "mondo". 

Sig.ra LAGANA'(Seguendo un suo pensiero ) Povera Elena, ha passato dei momenti molto brutti, sa. Ha avuto due esaurimenti. Ma adesso sta meglio. Come le è sembrata? ... Piuttosto regolare, no? Un po' logorroica, ma questo lo era già prima, le avrà parlato male della Sicilia, suppongo, non è cosi? 

WALTERBe' si, effettivamente, non m'ha mostrato sentimenti distesi verso l'argomento Sicilia. 

Sig.ra LAGANA'Ah è una polemista di razza lei. Noi sa, cosa vuole, la compatiamo visto quello che ha passato, perché a volte offende proprio eh, ma mio marito no, oh quello no! Le tappa subito la bocca: «Stai zitta tu, le dice, stai sempre a parlare male della Sicilia e com'è che sei sempre qui? Perché non parti? "Cu nesci arrinesci"» (Sorride) Ha capito? 

WALTERLe ultime parole, in verità, no. 

Sig.ra LAGANA'"Cu nesci arrinesci", chi esce, riesce. Cioè, chi emigra, forse la indovina. 

WALTERStrano proverbio. E' la prima volta che sento un detto del genere. Denota scarsa fiducia sulle opportunità di riuscita, per chi resta quanto meno ... 

Sig.ra LAGANA'Cosa vuole, qui siamo in tanti, le risorse sono poche, troppe bocche attorno ad un osso ed è quindi fatale che qualcuno prenda la porta ... e poi,  sa, i detti sono un po' tutti contraddittori, non bisogna prestargli molta fede ... 

WALTERAnche a quello di poc'anzi, allora ... 

Sig.ra LAGANA'(svanita) Quale? 

WALTERQuello della monaca e della serva. 

Sig.ra LAGANA'(Compiaciuta) Ah, " 'a figghia non maritata o fa 'a monaca o fa 'a criata! " Oh ma mi creda qui c'è del vero. Senta Walter, io non riesco a capirla mia figlia. (untuosa) Le parlo come ad un figlio, perché lei figlio mi può venire. Cos'è quella vita sregolata? Quella vita senza orari, quella vita disordinata? Io non dico che il matrimonio debba essere il fine di una donna com'era per la mia generazione e che poi diventava la fine della donna, ma santoddìo, non si può arrivare sulla soglia dei trent'anni senza porre un fondamento stabile alla propria esistenza (gesticola vistosamente) un fulcro, un perno, macché, senz'arte né parte ... 

WALTERMa Pina in verità l'arte ce l'ha. 

Sig.ra LAGANA'Si l'arte, l'arte, vissi d'arte vissi d'amore. L'ho visto questo film, finisce con l'attore che chiede assistenza pubblica come il povero Randone ...(si avvicina, confidenziale) . Mi dica, lei che la frequenta, mangia? Si copre a sufficienza con tutto quel freddo di lassù? (lamentosa) Ma come si fa a vivere sola, io dico ... io impazzisco se mi vedo cinque minuti senza nessuno intorno. ... 

WALTERMa non vive sola (titubante) Non gliel'ha detto? ... noi conviviamo

Sig.ra LAGANA'(fintamente stupita) Oh ... ma cosa mi sta dicendo? (ipocrita) Oh se venisse a saperlo mio marito ... Ah guardi io sono di larghe vedute, vengo da famiglia progressista, intendiamoci voglio dire moderna non certo comunista, per carità ... per dirle, mia madre già fumava negli anni trenta quando lo facevano solo le cocottes, ma mio marito è un po' più all'antica. Venisse a saperlo farebbe l'Orlando furioso (Come trovando la frase che cercava da tempo) Ma se è così ... perché non vi sposate, benedetti figlioli? Regolarizzate la vostra unione, fate un bambino! Un bambino ... Io figlia unica, mio marito figlio unico, Pina figlia unica: (disperata) non avremo nessuno al mondo fra un po' ... 

WALTERNon è detto che non accada. Io non avrei obiezioni. 

Sig.ra LAGANA'Al figlio o al matrimonio? 

WALTERAd entrambe le cose. 

Sig.ra LAGANA'Ma il matrimonio ... prima dei figli eh! 

WALTER(sardonico) Non aveva detto che era progressista? 

Sig.ra LAGANA'Be' ... be'. C'è un limite a tutto, quelle cose le fanno i comunisti. 

WALTERMa sì, è finita da un pezzo l'epoca dell'amore libero. Anch'io vorrei un figlio. Ma Pina a dir la verità ha qualche obiezione in più di me. Ama molto il suo lavoro. 

 Entrano Pina e d Elena. Pina porta un pacchetto di carbone. 

Sig.ra LAGANA'Trovato il carbone? 

PINAEccolo. Adesso bisognerà accendere il fuoco, dici che è il momento? (Si dirige verso il grill per riempirlo di carbonella

Sig.ra LAGANA'Aspettiamo un altro po' tuo padre, se no la brace si squaglia inutilmente. Elena, tuo marito era con l'onorevole, vero? 

ELENALiberando il grill della cerata che lo ricopre) Si, così mi ha detto. Almeno che non abbia una tresca con qualche "onorevola". Siamo rimasti d'accordo che ci avrebbero raggiunti insieme. 

Squilla il telefono dall'interno dell'appartamento. 

Sig.ra LAGANA'(alzandosi di scatto) Questo deve essere lui (esce
 
PINA(a Elena) Be' noi, intanto, prepariamo ... stai attenta (versa la carbonella un po' troppo velocemente, qualche pezzo cade a terra. Le donne sembrano divertite da questa piccola avventura domestica. Elena raccoglie il carbone e si sporca le mani

WALTERAvete bisogno di aiuto? 

PINANo, oggi farai il fuco, mentre le apine operaie si preoccupano del tuo cibo. 

ELENAOh guarda come mi sono conciata le mani ... vado a lavarle(esce

PINA(sfaccendando attorno al grill) Oh è tutto pieno di cenere, bisognerà pulirlo da sotto ...( a Walter ) Che te ne è sembrato della mia amica? 

WALTER(volendosi mantenere sulle generali) Abbiamo parlato della Sicilia, l'argomento preferito quaggiù ... 

PINASe uno ha mal di denti è fatale che parli di ascessi, molari, trapani, dentisti ... 

WALTER(deciso ) Si, ma parlare non basta. E poi c'è modo e modo. Io resto stupito. Tralascio il fatto che come forestiero, dite così, potrei risentirmi per questa overdose di chiacchiere sulla Sicilia infelix, tutta scaricata con lirica voluptas dolendi ai miei piedi di poveraccio che più che ascoltare non posso. Ma poi mi dico. Ma chi parla così? Sia tu che la tua amica non mi pare che siate esterne a questo modo di vivere. Dico, è indubbio che ne avete tratto dei benefici ... 

PINA(guardandolo attentamente) Cosa vuoi dire? 

WALTERVoglio dire che mi sembrate come quei ministri fannulloni e incompetenti che dovrebbero sovrintendere ai Beni Culturali e che in occasione di clamorosi furti allorché vengono intervistati e gli si chiede «Ministro, da dati certi emerge che in Italia ogni anno vengono trafugate 15.000 opere d'arte» e lui sai cosa risponde? «Le dirò di più, giovanotto, non 15.000 opere ma ben 20.000 nel solo anno passato compreso il Guercino del mio studio di Ministro. Ah si caro lei, è uno scandalo, un vero scandalo, non si può andare avanti così ... » Capisci? Il Ministro dei Beni Culturali rincara la dose, lui che dovrebbe tutelare il patrimonio sposa le tesi della accusa con uno scatto trasformistico così italiano da fare schifo e invece di dimettersi dalla propria carica dicendo semplicemente «Non sono capace», sposta le responsabilità che gli sono proprie verso nebulose cifre di bilancio o generica "volontà politica"  quale se non la sua?  che non ci sarebbe, ottenendo così il risultato di allearsi con la pubblica opinione e di salvare la poltrona. Ammetterai che il paragone calza ... Qui tutti sposate il mugugno e salvate la posizione, in altre parole pensate a sinistra e vivete a destra; ma io dico: il riscatto della Sicilia è o non è dovere dei siciliani stessi? E se voi per primi ammettete che presso di voi(si ferma, la guarda con precisa freddezza), nelle vostre famiglie vi sono dei siciliani che sono la causa dei vostri mali, ebbene l'indignazione non basta,, occorrono precisi atti conseguenti, tanto feroci verso voi stessi quanto grande è l'amore che dite di portare verso la vostra terra e la vostra gente ... altrimenti sono tutte chiacchiere, letteratura. 

PINAMa caro Walter, usciamo dal generico, tu cos'hai da rimproverarmi nello specifico? Io sono andata via, mi sono "dimessa" da siciliana ... Ho vissuto come una barbona a Milano nei primi anni, sei ingiusto con me, non sai tutta la mia storia ... 

WALTERMa io non volevo ferire la tua sensibilità. Volevo solo dire che è assolutamente pazzesco sposare idealmente una forma di vita e viverne un'altra di fatto. Capisco che poi saltano le cervella e gli esaurimenti vengono giù a valanga! 

PINAOh guarda che se alludi ad Elena, posso dirti che il suo disagio psichico è stato un prezzo troppo alto pagato a fronte di una vita che è lei la prima a riconoscere ambigua .(perplessa) Ma cosa dovrebbe fare una persona qui? Lei è sposata ad un "tirapiedi" di mio padre, sta bene. Io sono la figlia di un onorevole "chiacchierato" e va bene, anzi va male. Se io sono scappata lontano da mio padre, a lei, cosa dovresti chiedere, la rottura del matrimonio? Ci sono due bambini ... 

WALTERMa io non oso nemmeno pensarla una cosa del genere. Ognuno ha la sua vita. 

PINAaccorata) E allora ti dico, caro Walter, che il più grande dolore che possiamo provare noi è quello di avercela una coscienza . Ed è così che paghiamo con dolori profondi e silenziosi. Perché non c'è maggior miseria morale di chi non ha coscienza della propria miseria morale! E noi l'abbiamo questa coscienza. Sappiamo ti dico, fino in fondo, che molto del nostro potere, benessere, influenza, prestigio sociale, nasce da azioni scellerate quando non apertamente criminali. Sappiamo che per ripercussioni oscure, misteriose, quanto verosimili, che l'ultimo morto ammazzato cade in un ambito cui la politica non è del tutto estranea ... nessuno qui si può chiamare fuori di fronte a questa realtà.(drammatica) Lo so, ma io, io, l'ho fatto, mi sono chiamata fuori, ribellata, ho pagato di persona, ho offerto la mia testimonianza, più di questo non avrei potuto fare come cittadina, come donna, perché ho pagato come figlia. Avrei potuto avere tutto qui, solo lo avessi voluto. Vivere come una specie di principessa libanese, tra salotti e piscine e campi da tennis, assolutamente incurante delle case sventrate a due passi dal praticello di casa ... oppure come una miliardaria sudamericana che se ne fotte della miseria delle favelas ... e invece no! Sono scappata e non perché amassi l'arte ... o meglio l'amavo ma non più di quanto detestassi la Sicilia, questa Sicilia ... 

Entra Elena, afferra le ultime parole. 

ELENAOh Sicilia, Sicilia, mai nome ha suonato così bello e disperato! 

PINA(stremata) Guarda che l'attrice sono io. 

ELENA(divertita, assumendo ad arte un tono da recita) Ovunque griderò la sorte della mia patria! 

WALTERSofocle? 

ELENANo, Quasimodo. E aggiungeva «più nessuno mi porterà nel Sud». Beati quelli che sono riusciti a scappare. Ma prima o poi, zacchete! taglierò la corda anch'io. Mi sceglierò una cittadina toscana, che so, Colle Val D'Elsa o Poggibonsi e vi andrò ad insegnare. Imparerò anche la "c" aspirata quella di "cannuccia"; e la Sicilia? Nemmeno per le vacanze, nemmeno col binocolo e farò una propaganda feroce contro questa terra e appena sentirò un uomo politico siciliano parlare in TV dei mali di questa terra, dirò in pubblica piazza. «Quello? Questo, questo e quest'altro. Ha assunto dei delinquenti negli ospedali, dei falsi invalidi civili negli Uffici Pubblici, ha fatto comprare delle jeep coi fondi della Regione facendoli passare per macchinari agricoli, riceve tot voti dalle cosche mafiose e fa parte della Commissione regionale antimafia ... Ah so tutto io. Tutto. La mia testa è un dossier! (spiritata) Scappare, fuggire «A Poggibonsi a Poggibonsi! »

PINA(sorridendo) Ma smettila! 

ELENASmetterla? Io dico sul serio.(tragica) Pina, Walter, portatemi con voi a Morimondo! 

WALTERIntanto inizia con la pronuncia. Non Morimondo con la "o" larga ma Môrimôndô, come Cômô e non come Roooma, come dite voi. 

ELENAVa bene, va bene, farò corsi accelerati di pronuncia: "Ôre ôttô: telegiôrnale. Ômicidiô sulla côsta jônica". 

Entra la Sig. ra Laganà

Sig.ra LAGANA'Ragazze, guardate che saranno qui a momenti. Apparecchiamo in fretta. 

ELENASi, curiamo lo stomaco, la testa no, richiede troppi sforzi. 

Sig.ra LAGANA'Senti Elena, non te lo dico perché c'è qui Walter ma sarebbe il caso che questa sera ci dessi un taglio a certi discorsi. Non credo che l'Onorevole sarà nelle migliori condizioni di spirito con tutto quello che ha avuto da discutere e da fare. 

ELENAa Walter) Nella nostra cultura storica esiste una specie di angoscia da dissenso. Il dissenso è peccato. L'indignazione è vizio. 

Sig.ra LAGANA'(arrabbiata) Oh senti Elena io ti dico di smetterla e tu inizi? (a Walter) Lo fa anche perché c'è lei. I forestieri la stimolano particolarmente. 

WALTERNon vorrei creare incidenti diplomatici allora.(frugandosi nelle tasche) Mi sono accorto di essere rimasto a corto di sigarette. Se permettete faccio un salto giù a prenderle. 

PINANo, resta qui. Adesso verranno due ciminiere e ti daranno tutto il fumo che vorrai. E poi i tabaccai sono chiusi. 

WALTERUn bar tabacchi! Ci sarà un bar aperto! 

PINAQui i due esercizi sono separati. O Bar o Tabacchi. I primi sono aperti i secondi chiusi. 

WALTERMa se qui fuori è un mercato permanente! 

PINAIl rigorismo siculo ha esteso un divieto su questo vizio. Non è un vizio di "panza", e quindi non è tollerato. Ad essere fortunati ce ne sarà aperto solo qualcuno e al lungomare. 

Sig.ra LAGANA'(infastidita dal protrarsi delle chiacchiere) Su, su, ragazze. Andiamo ad apparecchiare, su! 

ELENA(tergiversando, a Walter) Sai perché ci chiamano il Mezzogiorno? 

WALTER(sorridendo) Lo so, lo so. 

PINA(ammiccando) È la via duodenale alla civiltà la nostra. Iris e babà. Panzerotti e accartocciate. Sfingioni e cipolline. Pizzette e arancine. L'accumulazione gastrica del capitale. Hai capito perché siamo così sfigati? Perché pensiamo sempre alla 'panza' e una volta riempita quella pensiamo che tutto finisca lì. 

Sig.ra LAGANA'    (impaziente, sul limitare dell'appartamento) E allora, vieni benedetta figliola? 

ELENAVengo, vengo. 

PINAIniziano le grandi manovre. Ti dovrò lasciare solo caro. Vado a dare una mano.(Suonano alla porta. ) Arrivano meno male. Tienti pronto. L'onorevole ti passerà a raggi i c.s

WALTEROddio, tremo dalla paura. 

Sig.ra LAGANA'(fuori campo) Pina, vai ad aprire tu per favore? 

Pina esce. Dopo un po' si sentono delle voci maschili fuori campo. Voci roche, rudi, da pescivendoli. Entrano quindi in scena l'on. Lagana' e l'assessore Pippo Scuderi. Il primo è di media statura, tarchiato, con una calvizie centrale molto estesa, fin quasi alla nuca. Molto somigliante all'attore catanese Turi Ferro. Indossa abiti borghesi che lo ingessano particolarmente data la complessione da popolano. Si avverte che non è la sua tenuta preferita. Il secondo è alto, segaligno, scuro di capelli, ben pettinato, abbronzato come un marron glacé, elegante, occhiali scuri, un'aria da play boy costiero tipo "notti a Taormina". Sono il boss e il tirapiedi, l'uomo politico e il capo-clan. Due figure sociali nettissime non facilmente confondibili tra le forme umane elaborate dalla società politica siciliana tra gli anni '70 e '90. Salvando i tipi morali, si potrà, tuttavia, nella messinscena, attingere al vasto repertorio iconografico dei politici locali. L'Onorevole porta un sacchetto di nylon trasparente che contiene un voluminoso cartoccio fatto con la caratteristica carta color zafferano nella quale in Sicilia si usa avvolgere il pesce. 

WALTER(vedendo entrare gli uomini. Impacciato) Buona sera! 

SCUDERI(che lo conosce, gli va incontro e gli stringe la mano con calore) Caro Walter che si dice a Milano ah? Che si dice, che si dice? 

WALTER(imbarazzato e non in sintonia con questa forma particolare di calorosità meridionale) Bene, bene, tutto bene. 

SCUDERIOnorevole, ti presento Walter Facchini. 

ONOREVOLE(asciutto. stirando una mano) Buona sera Walter. 

Entra Pina trafelata con l'intenzione di  fare le presentazioni. 

PINAOh avete già fatto le presentazioni? 

SCUDERIMa noi già ci conosciamo! 

PINA(stupita) Ah ... e come scusa, se non sono indiscreta. 
 
SCUDERI(misterioso, guardando l'onorevole, come a cercare un'intesa) Lo sei, lo sei, non si fanno queste domande... intrinseche. Lo conosco e basta. 

PINA(a Walter, curiosa) Sta scherzando? 

WALTERNo, ci siamo conosciuti davvero a Milano, in occasione di una... colazione di lavoro

PINAColazione? Di lavoro? 

ONOREVOLE Eh, eh, quante domande, si conoscono e basta. Piuttosto, milanesa, non hai dimenticato qualcosa? 

PINACiao, papà! (si avvicina all'onorevole che porge una guancia. Vi depone un bacio

ONOREVOLE Senti ... come stiamo a pesce? Ho portato questi 4 sarachi (gli porge un involucro

PINA(prendendo l'involucro e soppesandolo) Quattro saraghi? Saranno come minimo quattro chili! 

ONOREVOLE(facondo) Vuol dire che se ne resta qualcuno lo daremo agli ammaluzzi innocenti  (allude ai gatti). A che punto siamo con i preparativi? C'ho una fame che non ci vedo. A furia di mandar fiato con le chiacchiere, un buco m'è rimasto . E tu Pippuzzo? 

SCUDERI(svenevole e teatrale ) In agonia sono! 

PINATranquilli. Abbiamo messo il pentolone sui fornelli. 

ONOREVOLE Che c'è tua mattre a dirigere l'orchestra? E' meglio che ci dai un'occhiata! L'ultima volta che cucinò lei, la pasta maccu pareva ! Vai, vai! (a Walter, dopo che Pina è uscita) Eh bravo questo giovanotto! (esaminandolo con occhi socchiusi, felini) . Cosa sarebbe lei? L'accompagnatore in carica? Come si dice ... il boy-friend? (sarcastico) U lumacuni? 

SCUDERI(con finta aria di rimprovero) Onorevole! 

ONOREVOLE E che sto facendo? Sto guardando l'uomo che ...(agita le mani) ac-com-pa-gna mia figlia! (a Walter) L'ac-com-pa-gna dappertutto vero? 

WALTER (con presenza di spirito) Dappertutto! 

ONOREVOLE(come tra sé e sé) Bravo ... bravo ... E che cosa fa ... diciamo ... nella vita civile? Si, di che si occupa? 

WALTER (guardando Scuderi) Dovrebbe saperlo a questo punto ... Lavoro in una casa editrice. 

ONOREVOLE Bravo ... bravo ... e che casa editrice se non sono indiscreto? 

WALTER (sostenendo il gioco di chi sa che l'altro sa e fa finta di non sapere ) La Publiedit 

SCUDERI (informando l'onorevole di una cosa a costui più che nota) Quella di Ninuzzu! 

ONOREVOLE (assentendo vistosamente) Bravo ... bravo ... Lei conosce allora il suo editore? Si, dico, il suo principale in testa? 

WALTER (asciutto) So che la Publiedit è del Dottor Savarese, ma lui non lo conosco personalmente ... sfere inaccessibili ... È uno che viaggia sui quattro mila miliardi, figurarsi. È proprietario anche della Prubliprint ... 

ONOREVOLE (interrompendolo) Eh si ... anche di Telemilano, della Società Assicurativa "Sicurtà", della Cementi & Affini, della Grande Alberghi, della Visconti Finanziaria, della Navigli-Agraria e di chissà quante altre mirabolanti sigle ...(tra sè) E' partito con la classica valigia di cartone Ninuzzu ... Ed eccolo adesso signore di Milano. 

SCUDERI (insinuandosi viscido, a Walter) Te lo dissi a Milano che l'Onorevole e il Dottor Savarese sono amici d'infanzia, dello stesso paesino dell'Etna, mezzi parenti forse, non è così Onorevole? 

ONOREVOLE(fa un gesto evasivo e non risponde

SCUDERISi telefonano ogni giorno! Perché non dirlo Onorevole? 

ONOREVOLE (c. s.

WALTER(guardando ora uno ora l'altro) Quante coincidenze! 

ONOREVOLE Giusto, coincidenze! Ha lo sguardo sveglio lei. Lo sguardo dritto e lungimirante degli abitanti delle pianure! 

WALTER(interdetto) Dovrei aver capito qualcosa che non mi è stata detta? (freddo) Guardate che io capisco tutto il tremendo "non detto" siciliano, le mezze parole, gli sguardi obliqui, i significati reconditi che emanano le coppole storte ... conosco tutta la letteratura dei vostri gesti e simboli ... non faccio fatica a prendere cappello e salutarvi ... 

SCUDERI(fermandolo per un braccio) Ma Walter, ma che hai capito? Onorevole, ma questo sembra essere nato a Canalicchio ... si accende come uno zolfanello! 

ONOREVOLE (calmo, patriarcale, passando al tu) Calmati, figliolo ... sai come si dice qui? Confondere minchie e patrenostri (ricordarsi che l'onorevole ha la pronuncia retroflessa nel gruppo "tr") Io ho solo parlato e tu cosa hai capito? 

WALTERLei non ha solo parlato . Ha alluso. 

ONOREVOLEEh! Alludere, alludere ...Ti sembra che noi siciliani parliamo ancora a mezze parole? ( ironico) Ci siamo civilizzati nel frattempo.(pausa) Tu non sei qui stasera per caso! Sbrighiamoci in fretta con questa faccenda.(brusco) Lo vuoi un posto a Telemilano? 

WALTER  (incredulo) A Telemilano? 

ONOREVOLESi, a Telemilano. Redattore capo di Telemilano per il notiziario locale e regionale. O capo ufficio Pubblicità, advertising account in chief o uno di quei posti che si dicono solo in inglese. Il dottor Savarese aspetta una mia risposta! 

WALTER (stupito, sedendosi e sfregandosi le mani, guardando ora uno ora l'altro dei due uomini) Ma state scherzando? 

ONOREVOLE (tra sé) Quant'è bestia stu mammaluccu! 

WALTER (come alla conclusione di un pensiero) Ho capito! Immagino che dovrei in cambio lasciare vostra figlia! 

ONOREVOLE (di scatto) Lasciarla? ! Al contrario. La devi sposare sangue di Giuda. Semplicemente sposarla se le vuoi bene. Così ci passano le fantasie a quella ... Sposarla e ingravidarla ... non so se mi spiego. Sposarla e ingravidarla, azzittirla ... pa-ci-fi-car-la! Hai capito? 

WALTERFin troppo bene ... fin troppo bene.(come tra sé) Cristo credevo di fare un viaggio in Sicilia, non dentro una commedia di Pirandello! 

ONOREVOLE Senti, figliolo, io ho l'abitudine di parlare franco. Chi ti parla è nato in una famiglia in cui l'unica cosa che si tagliava col coltello era la fame (platealmente) la facevamo a quadratini, a cubetti, e la mangiavamo. E' noto a chiunque conti un po' in questa città chi sono io, chi ero. In gioventù ero il capocuoco dell'ospizio dei ciechi, si, capocuoco, poi ho fatto il sindacalista, poi segretario principale e poi su su fino a trovarmi quello che sono. Mi sono laureato da grande quand'ero sottosegretario alle Poste. E' così, io sono un autodidatta. Mi sono fatto strada con le unghie e coi denti, come si suol dire ... ma vedi, io ci sto tutto dentro la mia storia, in quello che ero e in quello che sono, non ho sbavature ... Ecco chi sono! Capita sempre ad ogni uomo di guardarsi allo specchio e di chiedersi: "Io chi sono? " Sarà capitato anche a te. Bene tu hai incontrato la persona giusta, quella che ti cambierà i connotati. O ti fa schifo la quadruplicazione dello stipendio? 

WALTERBe'  (fortemente imbarazzato), ma io non capisco, davvero non capisco ... 

SCUDERIMa Walter, tu sei un uomo intelligente. Ascolta l'onorevole, fidati di lui, ti sembra un uomo che possa farti del male quando viene a proporti tutto il tuo bene? 

WALTERMa questi modi così spicci ... 

SCUDERIE ragione c'hai, qui c'hai ragione.(all'onorevole) Ma lei Onorevole gliela poteva leggere la condanna a morte, macché lo ha fucilato direttamente sul petto ...(a Walter) Non ti ricordi Walter quello che mi hai detto a Milano? 

WALTER(confuso) Cosa? 

SCUDERICome cosa? Che "la" Pina l'amavi sul serio, che gli avevi chiesto di sposarla e lei non ne voleva sapere? Tutte queste cose l'Onorevole le sa, qualche uccellino gliel'ha dette e lui perciò ti sta dando una mano ... come si suol dire ... a prenderti la mano di sua figlia. Stai tranquillo, sei uno dei nostri, uno dei nostri ... 

WALTER(scattando ) Io non sono di nessuno! Se c'è una cosa che detesto in sommo grado è la logica dell'appartenenza. Io appartengo a me stesso, alla mia libertà, alla mia intelligenza poca o tanta che sia! 

ONOREVOLE Eh come ti scaldi!  Apparteniamo tutti a qualcosa. Alla terra d'origine, alla lingua che parliamo, alla classe sociale, alla razza, al credo religioso e quando crediamo di essere totalmente liberi, quando crediamo di avere delle libere opinioni, be' allora apparteniamo alle nostre opinioni che nel frattempo sono diventate pregiudizi. Non c'è libertà che non sia condizionata da qualche necessità ... Ad ogni modo non sono qui per farti una predica ...(prende fiato per riordinare il discorso) Io questa ragazza, la sento come una spina nelle carni. E' da quando ha cominciato ad avere l'uso della ragione che praticamente mi contrasta ad ogni passo, mi rema contro. Se fossi uno di quei padri siciliani capaci di odiare fino all'annichilimento proprio ed altrui, l'avrei distrutta con le mie stesse mani. Ma so  (goffamente lirico) che lei è cosa mia, mi appartiene, è una vena mia che batte fuori di me ... Allora la vuoi sposare? 

WALTERSposare, sposare, ma perché farlo se noi ci amiamo! Non ho amato mai nessuno più di lei in vita mia ... Stiamo bene assieme, sposarci, anche se io lo voglio, non potrà avere altro significato che questo. ... 

ONOREVOLE(quasi commosso ) E noi questo significato gli daremo. Un sigillare, un protocollare questo bene. Ma basta però con questa vita di studenti. Dovete cambiare casa, renderla più accogliente per qualcosa che potrebbe nascere, non so, nuove necessità. C'è perciò un momento in cui l'unione di due cuori se non è cementata da questi (sfrega il pollice e l'indice in segno di denaro) si sbriciola come un intonaco ammuffito. Homo sine pecunia est mortis imago, e lo dice un cardinale di Santa Romana Chiesa, sua Eminenza il Cardinale Siri di Genova. Da noi si dice "Cu non avi non è", la traduzione falla tu. 

WALTERAbbiamo il nostro lavoro, io il mio, per quanto insoddisfacente, ma che mi dà da vivere e Pina il suo, senz'altro più gratificante per quanto un po' randagio. Non chiediamo di più, ci va bene così. 

ONOREVOLE Oh l'orgoglio dei giovani. Presuntuosi! "Ci va bene così"! Cosa vuol dire? Ci va bene così? Babbiate! Vivete in una casa, come la chiamano, di ringhiera, col cesso sul ballatoio ... 

WALTERE' male informato. E' stato rifatto, piccolo, ma è dentro. 

ONOREVOLE   Va bene, va bene, ma sono due locali, vecchi, umidi

WALTERIn Corso Garibaldi, in una zona vecchia Milano che è un incanto. Vecchi si ma per nulla umidi. 

SCUDERIOnorevole, la gioventù è romantica! Non cerca agi, comodità ... fesserie sono per loro queste cose! 

ONOREVOLE   E allora parliamo di fesserie ...(a Walter) Chi è il proprietario della casa? 

WALTERNon lo so. Pina ha sottoscritto il contratto ... 

ONOREVOLE E quanto pagate? 

WALTERUna sciocchezza, credo centomila al mese. 

ONOREVOLE Comprese le spese? 

WALTERComprese le spese. 

ONOREVOLE (ricapitolando) Centomila al mese comprese le spese, al centro di Milano, benché in una vecchia casa, ti è mai venuto di chiedere come mai così poco? 

WALTER(In difficoltà) Non saprei ... vecchi contratti, equo canone, ci sono ancora in giro, bisogna essere un po' fortunati. 

ONOREVOLE Fortunati eh? 

SCUDERIAttruvau a tavula cunsata e s'assittau u carusu, che doveva fare? 

WALTER(Guarda stupito, non capisce

ONOREVOLE (traduce) Hai trovato la tavola imbandita e ti sei seduto. Non è così? 

WALTER (duro) Che cosa volete dire, che sono uno scroccone? Paghiamo le spese a metà. 

ONOREVOLE Spese ridicole, fuori mercato! Ecco perché vi va bene così. Il vostro è un idealismo pagato da altri. 

WALTER(in difficoltà) Paghiamo secondo una legge che ci beneficia in questo caso, ma è sempre una legge. 

ONOREVOLE(gelido) E no!, pagate secondo una legge, si, ma non è quella dell'equo canone. Pagate secondo la legge dell'amicizia siciliana ... 

WALTER(guarda entrambi interdetto

SCUDERI(dopo aver guardato l'Onorevole e averne ricevuto un impercettibile segno di assenso) Ma caro Walter, non capisci che il proprietario della vostra casa è l'amico dell'onorevole, il Dottor Savarese? Tutto il palazzo è suo! 

WALTERIl dottor Savarese? 

SCUDERIGià il tuo principale! Il tuo lavoro e la tua casa hanno un unico ... come si dice ... referente. ... 

WALTER(allibito) Cosa significa, che perderò entrambi? 

SCUDERIMa che fesserie? Significa che una mano invisibile ti è stata posata sulla testa. Sei caro agli dei, tu. Sei stato simpatico all'Onorevole fin dall'inizio! Pensaci babbicello! Come trovasti lavoro? Rispondendo ad un annuncio su "Secondamano"? Lì solo i lavapiatti cercano! 

WALTER(quasi balbettando) Pina conosceva il direttore editoriale ... 

SCUDERIAppunto, il direttore editoriale che prendeva direttamente ordini dal Dottor Savarese, che è in contatto telefonico, ogni giorno, con l'Onorevole! 

WALTER(allibito) Ho capito tutto ...(si siede affranto

Sig.ra LAGANA'(fuori campo) A tavola! A tavola! 

Tela

 

Segue secondo tempo>>>Segue secondo tempo>>>Segue secondo tempo

Messo in Rete addì 20 luglio 2001
© Alfio Squillaci
Copia depositata SIAE
Tutti i diritti riservati.
E' vietata la riproduzione di questo testo, in qualsiasi forma, anche elettronica, senza il consenso dell'autore

Vedi secondo tempo>>>
dal 30 0tt. 2001
<<<Ritorna Indice Rivista
Esempio 1
Prima paginaFili di fumoEnferRecensioniRivistaProfili di autori
ContattaciAtlante Letterario Bacheca pubblicaCompiti

La Frusta Letteraria - Rivista di critica culturale on line